Home PoliticaMondo Armare gli insegnanti è difficile, anche nel Texas amante delle armi

Armare gli insegnanti è difficile, anche nel Texas amante delle armi

da Notizie Dal Web

Il massimo funzionario delle forze dell’ordine del Texas ha proposto nuovi sforzi per armare gli educatori dopo che un uomo armato armato di fucile ha ucciso 19 bambini e due insegnanti all’interno di un’aula locale questa settimana. Le statistiche statali suggeriscono che la maggior parte degli insegnanti non è interessata.

Per più di un decennio, le leggi statali hanno consentito agli insegnanti di lavorare con il potere di sicurezza scolastica armata o l’ultima linea di difesa contro un tiratore attivo.

Il personale scolastico addestrato e armato potrebbe aiutare a rispondere rapidamente alla violenza nel campus “perché la realtà è che non abbiamo le risorse per avere le forze dell’ordine in ogni scuola”, ha detto a Fox News il procuratore generale dello stato repubblicano Ken Paxton all’indomani della messa di martedì riprese alla Robb Elementary School di Uvalde, Texas.https://2adfec5cd09628a4187411951e46912f.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-38/html/container.html

Ma il Texas, uno stato con una leggendaria cultura delle armi, ha consentito agli insegnanti di iscriversi come “marescialli” del campus dal 2013 attraverso un programma firmato dopo la sparatoria alla Sandy Hook Elementary di Newtown, nel Connecticut. L’iniziativa ha visto meno di 300 educatori iscriversi in 62 distretti scolastici, secondo la Texas Commission on Law Enforcement, anche dopo che alcune restrizioni al programma sono state allentate a seguito di una micidiale sparatoria di massa del 2018 in una scuola superiore dell’area di Houston.

Un’indagine su oltre 1.000 distretti scolastici statali da parte delCentro per la sicurezza della scuola del Texasnel frattempo ha concluso che solo 280 sistemi hanno partecipato a un programma di “guardiano” statale più vecchio, separato e molto meno regolamentato inteso a schierare insegnanti armati come guardie all’ultimo sangue contro i tiratori attivi.

Molti rischi accompagnano la formazione.

“Una delle conversazioni più schiette che abbiamo con i distretti scolastici è: quando un agente si presenta e non sa se sei il bravo ragazzo o il cattivo, non farà domande”, Kathy Martinez-Prather, lo stato Il direttore del centro di sicurezza della scuola, ha detto in un’intervista.

“Lo scopo di questi individui non è quello di affrontare la minaccia. È una specie di ultima risorsa”, ha detto. “Se non puoi scappare e scappare, e non puoi nasconderti, a volte rimani in una situazione in cui devi difendere. In nessun caso li stiamo incoraggiando ad affrontare la minaccia in qualsiasi momento, come prima opzione”.

L’idea di insegnanti armati di armi promette di sfruttare la rinnovata urgenza politica nel dibattito sulla sicurezza della scuola, come un alto funzionario delle forze dell’ordine del Texas venerdìha riconosciuto i fallimenti in una risposta faticosa della poliziaalla violenza di questa settimana. E il problema ha trovato un notevole successo in stati come la Florida, dove la presenza delle forze dell’ordine nei campus scolastici è cresciuta dopo gli omicidi del 2018 alla Marjory Stoneman Douglas High School.

Eppure il massimo funzionario dell’istruzione della nazione e il capo del più grande sindacato degli insegnanti hanno deriso l’idea e l’hanno descritta come una distrazione dall’affrontare il ruolo svolto dalle armi da fuoco nella violenza negli Stati Uniti.

“La soluzione di armare gli insegnanti, secondo me, è un’ulteriore mancanza di rispetto nei confronti di una professione che è già assediata e che non sente il sostegno di così tante persone”, ha detto questa settimana il segretario all’Istruzione Miguel Cardona ai legislatori a Capitol Hill. “Dobbiamo assicurarci che stiamo autorizzando i nostri insegnanti ad avere successo nell’insegnare ai nostri figli”.

Più di 100 progetti di legge volti ad armare il personale scolastico sono stati presentati in 34 stati e territori tra il 2018 e il 2021, secondo la Conferenza nazionale delle legislature statali. Più di un terzo di quella legislazione è stata introdotta all’indomani delle sparatorie del 2018 a Parkland, in Florida, e a Santa Fe, in Texas. La stragrande maggioranza di tutti quei conti non è riuscita ad avanzare.

Tuttavia, entro aprile 2020,un’analisi RAND Corporationha rilevato che 28 stati hanno consentito alle scuole di armare insegnanti o personale in almeno alcuni casi o come parte di un programma specifico. Ciò includeva stati senza leggi per vietare o consentire espressamente il personale scolastico armato e molti altri – tra cui Alabama, Colorado, Florida, Indiana, Missouri, Montana, Tennessee e Texas – con leggi per consentire la pratica in qualche forma.

“Portare più armi nelle scuole rende le scuole più pericolose e non fa nulla per proteggere i nostri studenti ed educatori dalla violenza armata”, ha dichiarato il presidente della National Education Association Becky Pringle. “Abbiamo bisogno di meno armi nelle scuole, non di più. Gli insegnanti dovrebbero insegnare, non agire come guardie di sicurezza armate”.

Ha aggiunto: “Le scuole hanno bisogno di più professionisti della salute mentale, non di pistole; gli insegnanti hanno bisogno di più risorse, non di rivoltelle.

In Florida, meno di un mese dopo l’attacco a Parkland, i legislatori statali hanno approvato riforme di sicurezza e protezione di ampia portata che richiedevano anche alle scuole di posizionare almeno una guardia armata nel campus ogni giorno.

Di conseguenza, lo scorso autunno la presenza delle forze dell’ordine nei campus locali è cresciuta fino a 4.381 agenti di sicurezza distribuiti in 3.641 scuole.

Quasi due terzi di queste guardie sono agenti delle forze dell’ordine assegnati alle scuole, mentre gli altri 1.384 agenti sono “tutori” formati che potrebbero includere insegnanti o altro personale. Non è chiaro esattamente quanti dei tutori dello stato siano insegnanti, anche se alcuni funzionari della Florida stanno seguendo il programma dei tutori sulla scia dell’attacco in Texas.

“Le persone temono che gli insegnanti usino irresponsabilmente le pistole o che gli studenti ottengano la pistola di un insegnante. Ma niente di tutto ciò è successo”, ha twittato venerdì Ryan Petty, il padre della studentessa di Parkland Alaina Petty, che era tra le 17 uccise a Parkland. Petty fa anche parte del Board of Education dello stato.

Ma in Texas, Martinez-Prather del centro di sicurezza delle scuole statali, ha affermato che è molto probabile che le scuole facciano affidamento su un mix di personale di sicurezza standard e agenti di polizia scolastici, oltre a occasionali insegnanti armati.

“Stiamo assistendo a un aumento più ampio dei distretti che creano le proprie [forze di polizia]”, ha affermato. “Quando pensi di avere nel tuo campus ufficiali di pace accreditati e autorizzati, alcuni distretti si sentono più a loro agio nell’avere professionisti in quelle posizioni, piuttosto che i loro educatori”.

Andrew Atterbury ha contribuito a questo rapporto.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati