Home Politica Biden lo soffia: le guardie iraniane rimarranno nella lista nera del terrore

Biden lo soffia: le guardie iraniane rimarranno nella lista nera del terrore

da Notizie Dal Web

Nahal Toosi rapporti che Biden ha deciso di non rimuovere il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) dall’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere almeno un mese fa:

Secondo un alto funzionario occidentale, il presidente Joe Biden ha finalizzato la sua decisione di mantenere il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane nella lista nera dei terroristi, complicando ulteriormente gli sforzi internazionali per ripristinare l’accordo nucleare iraniano del 2015.

Un’altra persona a conoscenza della questione ha detto che Biden ha comunicato la sua decisione durante una telefonata del 24 aprile con il primo ministro israeliano Naftali Bennett, aggiungendo che la decisione è stata trasmessa come assolutamente definitiva e che la finestra per le concessioni iraniane era chiusa.

Rimuovere la designazione era probabilmente il ultima possibilità che Biden doveva salvare l’accordo nucleare. Alti funzionari statunitensi, incluso il Segretario di Stato Blinken, hanno confermato che la rimozione della designazione non avrebbe avuto effetti pratici significativi sul finanziamento o sulle operazioni dell’IRGC, ma il presidente ha scelto di mantenerla in vigore sapendo che avrebbe potuto silurare i negoziati per rilanciare l’accordo. Forse il governo iraniano alla fine abbandonerà la sua richiesta, ma in questo momento non ti darei due centesimi per le possibilità del JCPOA di sopravvivere oltre quest’anno. Trump ha aggiunto l’IRGC alla lista con il preciso scopo di rendere più difficile il rientro degli Stati Uniti nell’accordo, e Biden è corso dritto nella trappola. La scritta era sul muro diverse settimane fa. Ora abbiamo la conferma che la diplomazia di Biden è stata soppesata e trovata carente.

La decisione di Biden di lasciare l’intero IRGC nell’elenco è sbagliata, ma soprattutto è una decisione straordinariamente stupida perché la designazione non è servita a nulla. Non si tratta di soppesare priorità diverse e considerare i compromessi tra di esse. Se gli Stati Uniti hanno guadagnato qualcosa mantenendo l’IRGC nella lista, potrebbe almeno esserci qualcosa da discutere, ma l’amministrazione stessa non crede che la designazione sia importante. Come Peter Beinart sottolineato all’inizio di questo mese, “per sua stessa ammissione, l’amministrazione Biden sta rischiando l’accordo nucleare con l’Iran per niente”. Biden sta mettendo a repentaglio quello che dovrebbe essere un grande successo politico al fine di preservare un vuoto gesto di ostilità.

Leggi il resto dell’articolo su SubStack

Daniel Larison è editorialista settimanale di Antiwar.com e gestisce il proprio sito all’indirizzo Eunomia. È l’ex caporedattore dell’American Conservative. È stato pubblicato su New York Times Book Review, Dallas Morning News, World Politics Review, Politico Magazine, Orthodox Life, Front Porch Republic, The American Scene e Culture11 ed è stato editorialista di The Week. Ha conseguito un dottorato di ricerca in storia presso l’Università di Chicago e risiede a Lancaster, Pennsylvania. Seguilo Twitter.

Il post Biden lo soffia: le guardie iraniane rimarranno nella lista nera del terrore è apparso per primo Blog di Antiwar.com.

Fonte: antiwar.com

Articoli correlati