Home PoliticaMondo Con il riemergere di Xi, l’Europa cade di nuovo preda delle tattiche del divide et impera della Cina

Con il riemergere di Xi, l’Europa cade di nuovo preda delle tattiche del divide et impera della Cina

da Notizie Dal Web

BALI, Indonesia – Ogni leader europeo al vertice del G20 di questa settimana a Bali ha voluto un incontro faccia a faccia con il presidente cinese Xi Jinping.

Non tutti ne hanno uno.

Il desiderio degli europei di incontrare Xi è stato guidato dal fatto che questa settimana è stata la prima occasione per incontrare il leader cinese in un grande jamboree diplomatico dai blocchi dell’inizio del 2020, quando la pandemia di coronavirus è iniziata in Cina e si è diffusa nel mondo.

Gli europei hanno sempre dovuto accettare che avrebbero lottato per le briciole in termini di calendario. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trascorso tre ore e mezza con Xi, mentre il presidente francese Emmanuel Macron si è dovuto accontentare di (ancora perfettamente rispettabili) 43 minuti.

La Cina ha vistosamente rilanciato la sua tattica consolidata di corteggiare specifici paesi dell’UE e i loro interessi nazionali, qualcosa che ha spesso usato per destabilizzare Bruxelles. (Quando Bruxelles ha minacciato una guerra commerciale a tutto campo nel 2013 sulla Cina che minava il mercato dell’UE di pannelli solari e apparecchiature per le telecomunicazioni, la Cina ha abilmente infranto l’unità dell’UE minacciando azioni di ritorsione contro il vino francese e spagnolo, mettendo Parigi e Madrid contro i funzionari commerciali dell’UE.)

Ancora una volta a Bali, la Cina ha adottato un astuto approccio da nazione a nazione, incontrando Macron, il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez, l’italiana Giorgia Meloni e l’olandese Mark Rutte, evitando la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel . Almeno un incontro con Michel era stato ampiamente atteso negli ambienti diplomatici.

La Cina si irrita per la designazione dell’UE di essere un “rivale sistemico” di Bruxelles, e invece ha deciso di sfruttare la sua influenza con i singoli paesi europei.

Prendi l’incontro con Rutte. L’interesse principale del leader cinese era che i Paesi Bassi, sede del produttore di chip ASML, un’azienda che produce attrezzature chiave per la produzione di microchip, non dovessero aderire a nessun accordo UE-USA. coalizione commerciale che cerca di escludere la Cina dalle nuove tecnologie.

“Si spera che i Paesi Bassi rafforzino l’impegno dell’Europa per l’apertura e la cooperazione”, ha osservato Xi in una lettura dell’incontro olandese. Traduzione: non creare problemi commerciali con i microchip.

Con Sánchez, Xi ha giocato sull’importanza della Cina come motore del turismo in Spagna, settore a cui Madrid è particolarmente interessata visitatori di alto livello provenienti dall’Asia. “Le due parti devono fare buoni preparativi per l’Anno della cultura e del turismo Cina-Spagna per costruire un maggiore sostegno popolare all’amicizia Cina-Spagna”, ha detto Xi.

Allo stesso modo, l’agenzia di stampa statale Xinhua ha citato Macron dicendo che voleva una maggiore cooperazione negli affari, in particolare in l’aviazione e settori dell’energia nucleare civile. Il resoconto cinese dell’incontro Xi-Meloni era che Pechino avrebbe importato più beni di “alta qualità” – presumibilmente della varietà di lusso e gourmet – e avrebbe cooperato nel settore manifatturiero, energetico e aerospaziale.

Quindi, molta collaborazione. Nessun sospetto di quella “rivalità sistemica” di cui parla la brutta Ue di Bruxelles.

Macron si avvicina a Xi

Nel segno che la strategia diplomatica di Xi stava dando i suoi frutti, Macron ha adottato un approccio non conflittuale nei confronti di Xi, massaggiando persino l’ego del leader cinese.

L’ambasciata cinese a Parigi ha promosso a video dall’equivalente cinese domestico di TikTok Douyin, in cui Macron ha espresso i suoi migliori auguri alla Cina dopo che Xi si è assicurato un nuovo mandato che infrange le norme. (Xi è stato nominato per un terzo mandato come segretario generale del Partito Comunista in un congresso di partito altamente coreografato.)

Macron ha anche salutato Xi come una figura “sincera” che dovrebbe “svolgere il ruolo di mediatore nei prossimi mesi” per fermare un’ulteriore aggressione russa contro l’Ucraina, anche se da allora Pechino non ha mostrato di essere adatta a tale ruolo. la guerra è scoppiata a febbraio.

Ignorando le micidiali tensioni himalayane della Cina con l’India, l’escalation della tensione con Taiwan o l’avventurismo militare nel Mar Cinese Meridionale, Macron ha dichiarato: “La Cina chiede la pace… [C’è] un profondo e so sincero attaccamento alla… Carta delle Nazioni Unite”.

Macron ha anche detto ai giornalisti che aveva in programma di visitare la Cina all’inizio del prossimo anno. Sembra una risposta alla visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz, che ha visitato la Cina all’inizio di questo mese. Secondo quanto riferito, Scholz ha respinto il suggerimento di Parigi per una visita congiunta Macron-Scholz e ha deciso di andare da solo con una delegazione di grandi imprese.

“Macron aveva enormemente bisogno di questo tempo di trasmissione con Xi perché non poteva essere visto escluso dalla Cina quando gli americani e i tedeschi hanno dominato i titoli dei giornali”, ha detto un diplomatico occidentale.

Mentre Macron ha affermato che Xi era d’accordo con lui su un “appello al rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina”, la stessa lettura della Cina non ha fatto tale menzione, dicendo solo: “La Cina rappresenta un cessate il fuoco, la cessazione del conflitto e dei colloqui di pace”.

Bruxelles inscatolata

In netto contrasto con i leader francesi, spagnoli, olandesi e italiani, i capi dell’UE con sede a Bruxelles non hanno avuto un controllo.

In una dimostrazione della visione continuamente negativa di Pechino dell’Unione Europea, Xi ha deciso di non andare avanti con quello che POLITICO ha inteso essere un piano quasi certo per Michel, quello che rappresenta tutti i 27 paesi, per incontrare Xi.

Quell’evento, se fosse stato consentito, sarebbe stato significativo nel mostrare la possibilità per le economie più piccole del blocco di far sentire la propria voce, dal momento che Xi sarebbe altrimenti impegnato a trattare con i giocatori più grandi.

Il ripensamento di Xi per un incontro con Michel è arrivato poco dopo che il discorso preregistrato del presidente del Consiglio dell’UE a una fiera commerciale di Shanghai è stato interrotto. Secondo Reuters, nel discorso ha cercato di richiamare la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, un messaggio ritenuto troppo sensibile alle orecchie cinesi.

La presidente della Commissione von der Leyen, nel frattempo, non si è occupata dei piani per organizzare un incontro con Xi, ma di uno spettacolo congiunto con Biden su cui concentrarsi finanziamento delle infrastrutture per i paesi in via di sviluppo per competere con la Belt and Road Initiative cinese.

In una critica sottilmente velata all’approccio della Cina alla nuova Via della Seta, von der Leyen ha affermato: “La [West’s] Partnership Global for Infrastructure and Investment è un’importante iniziativa geostrategica nell’era della competizione strategica.

“Insieme alle principali democrazie offriamo partenariati infrastrutturali orientati ai valori, di alto livello e trasparenti per i paesi a basso e medio reddito”, ha affermato.

Il suo tono, tuttavia, si è rivelato minoritario tra i leader europei durante l’impegno del G20 con la Cina.

“Non c’è un messaggio comune dell’UE sulla Cina”, secondo un altro diplomatico dell’UE a Bali. “Ma poi non ce n’è mai stato uno.”

Con sollievo dei diplomatici europei, almeno Xi non ha trattato i loro capi nello stesso modo in cui ha trattato il primo ministro canadese Justin Trudeau.

“Tutto ciò di cui discutiamo è trapelato al giornale; non è appropriato”, ha detto Xi a Trudeau tramite un interprete in una clip registrata dai media canadesi.

«Non è… il modo in cui è stata condotta la conversazione. Se c’è sincerità da parte tua…” ha detto Xi, prima che Trudeau lo interrompesse, difendendo l’interesse del suo Paese a lavorare “in modo costruttivo” con Pechino.

Xi ha preso il suo turno per interrompere. “Prima creiamo le condizioni”, ha detto Xi.

Vai e mettiti in un angolo, Justin.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati