Home PoliticaMondo De Croo del Belgio: l’Europa ha bisogno di rafforzare la sua industria della difesa

De Croo del Belgio: l’Europa ha bisogno di rafforzare la sua industria della difesa

da Notizie Dal Web

BERLINO — L’Europa dovrebbe costruire un’industria delle armi più forte per assorbire nuovi investimenti nazionali in carri armati, aerei e missili dopo l’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato lunedì il primo ministro belga Alexander De Croo.

Durante un discorso al Gendarmenmarkt di Berlino su come dovrebbe l’Europa rifocalizzare a causa della guerra, disse De Croo mettendo in sicurezza indipendenza energetica e riconsiderare il suo approccio all’allargamento erano fondamentali, ma i paesi dell’UE devono anche assicurarsi di non incanalare miliardi in nuovi investimenti militari all’estero.

“Dobbiamo costruire un’industria europea della difesa più forte, in grado di competere con altri attori globali”, ha affermato De Croo. “Se aumentiamo i nostri budget per la difesa e gli investimenti in tecnologia militare, che sia tecnologia europea. Sviluppato in Europa, costruito in Europa. Con il ritorno sull’investimento europeo”.

Ciò renderebbe l’Europa un “blocco militare solido” e una parte forte della NATO insieme agli Stati Uniti, ha affermato. “Non possiamo dipendere da chi sarebbe il prossimo occupante della Casa Bianca”.

Dopo l’invasione della Russia, la Germania annunciato raggiungerebbe finalmente l’obiettivo della spesa militare della NATO del 2% del PIL, mentre Svezia e Finlandia valutano i piani per aderire all’alleanza di difesa transatlantica e altri paesi considerano aumenti dei propri investimenti in armi.

In risposta, De Croo ha chiesto un maggiore coordinamento all’interno dell’industria della difesa europea. “Gli Stati Uniti hanno quattro tipi di navi da guerra; L’Europa ne ha 30″, ha detto. “Lo stesso per i carri armati e gli aerei. Questa frammentazione indebolisce i nostri budget per la difesa, quindi dobbiamo ribaltare la situazione”.

Ha anche affermato che i partenariati militari tra i paesi membri dell’UE e della NATO dovrebbero essere ampliati, citando l’esempio della stretta integrazione tra le marine e le forze aeree olandesi e belghe.

Negli ultimi anni, la Commissione Europea ha promosso alleanze industriali per prodotti strategicamente critici come celle della batteria e semiconduttori, coordinando tali iniziative per colmare le lacune nella catena di approvvigionamento e allo stesso tempo sfruttando miliardi nelle finanze pubbliche. Un tale approccio potrebbe essere utilizzato anche per aumentare la produzione di hardware militare.

“Questa guerra in Ucraina ha spinto noi europei su un bivio storico”, ha aggiunto De Croo. “La scelta davanti a noi è semplice: o ci atteniamo a vecchie ricette e vecchie strutture e l’Europa si sgretolerà, oppure rinnoviamo l’Europa, diventiamo più forti e resilienti come un blocco”.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati