Home PoliticaMondo Disordini a Bruxelles dopo che il Belgio ha perso la partita di Coppa del Mondo contro il Marocco

Disordini a Bruxelles dopo che il Belgio ha perso la partita di Coppa del Mondo contro il Marocco

da Notizie Dal Web

La polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i tifosi di calcio nel centro di Bruxelles domenica, mentre la violenza è scoppiata all’indomani della sconfitta per 2-0 del Belgio contro il Marocco nella Coppa del Mondo FIFA.

La polizia antisommossa è stata dispiegata in un mercatino di Natale nel centro della capitale belga e la polizia ha ordinato il spegnimento di alcune linee di trasporto pubblico. Sono stati appiccati incendi e lanciati sassi contro i veicoli. Un gruppo di giovani fan del Marocco ha distrutto un’auto e uno scooter a noleggio filmato da un giornalista della BBC sulla scena.

Un centinaio di agenti di polizia sono stati inviati contro i tifosi di calcio che hanno distrutto l’arredo urbano e lanciato proiettili contro la polizia, secondo quanto riferito. Almeno un veicolo è stato dato alle fiamme.

“Decine di persone, tra cui alcune che indossavano felpe con cappuccio, hanno cercato di confrontarsi con la polizia, il che ha compromesso la sicurezza pubblica”, ha detto la polizia di Bruxelles, secondo a LeSoir. Almeno 10 persone sono state arrestate, ha riferito il giornale.

La vittoria del Marocco è stata una grande sorpresa al torneo della Coppa del Mondo ed è stata celebrata in modo esuberante dai tifosi con radici di immigrati marocchini.

Rajae Maouane, un politico belga con origini marocchine che è co-presidente del partito francofono Ecolo, ha condannato le violenze. “Nessuna scusa per il comportamento violento di questi ‘sostenitori'”, lei twittato. “I veri tifosi festeggiano con gioia e rispetto”.

Rudi Vervoort, ministro-presidente socialista del governo della regione di Bruxelles Capitale, ha scritto Cinguettio: “Niente giustifica il vandalismo di questi teppisti che fanno vergognare i veri tifosi. La polizia sta facendo tutto il possibile per mantenere l’ordine pubblico”.

La maggior parte delle celebrazioni a Bruxelles da parte della numerosa comunità marocchina della città sono state pacifiche, altri hanno avuto cura di sottolineare. La diaspora marocchina in Belgio conta circa mezzo milione di persone.

Ci sono stati disordini anche nelle città belghe di Anversa e Liegi, l’Associated Press segnalato.

Anche Philippe Close, sindaco socialista della città di Bruxelles, ha condannato le violenze e consigliato tifosi di calcio a non venire in centro città. La polizia di Bruxelles ha consigliato alle persone di non recarsi in Boulevard du Midi e nelle strade adiacenti.

“La violenza è inappropriata in tali circostanze”, ha detto il primo ministro belga Alexander De Croo. “Il calcio dovrebbe essere una festa”, ha aggiunto.

“Triste vedere come alcune persone abusano di una situazione per impazzire”, ha detto il ministro dell’Interno belga Annelies Verlinden disse.

Il partito fiammingo di estrema destra Vlaams Belang sequestrato sugli alterchi per promuovere la sua agenda nazionalista, anti-immigrazione e anti-Islam. Il presidente del partito Tom Van Grieken disse I belgi con origini marocchine sono “liberi di lasciare” il paese.

La polizia nei Paesi Bassi ha riferito che la violenza è scoppiata a Rotterdam, con agenti antisommossa che hanno tentato di disperdere un gruppo di 500 tifosi di calcio che hanno colpito la polizia con fuochi d’artificio e vetri, ha riferito l’AP. Sono stati segnalati disordini anche ad Amsterdam e all’Aia.

Nicolas Maeterlinck/BELGA/AFP via Getty Images

Kenzo Tribouillard/AFP tramite Getty Images

Kenzo Tribouillard/AFP tramite Getty Images

Kenzo Tribouillard/AFP tramite Getty Images

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati