Home Cronaca Ecco perché gli americani hanno bisogno di un reddito di base durante l’epidemia di coronavirus

Ecco perché gli americani hanno bisogno di un reddito di base durante l’epidemia di coronavirus

da Notizie Dal Web

Con l’escalation del bilancio economico della pandemia di coronavirus, cresce il sostegno per un aiuto economico immediato per i milioni di americani le cui vite sono state sconvolte. Il senatore dello Utah Mitt Romney l’ha fatto proposto inviando un’infusione una tantum di $ 1.000 a ogni adulto americano durante la crisi, mentre i funzionari dell’amministrazione Trump stanno anche valutando l’idea di pagamenti diretti in contanti agli americani.

Mentre una volta “controlli di stimolo“sono un’opzione – come lo erano subito dopo la crisi finanziaria del 2008 – molti americani avranno bisogno di un sostegno a lungo termine per resistere alla tempesta finanziaria in arrivo. Piuttosto che un solo colpo di denaro, gli americani in difficoltà avranno bisogno di un “reddito di base di emergenza”, ad es. supporto in denaro continuo e senza vincoli, simile a quello che l’ex candidato alla presidenza Andrew Yang ha proposto durante la campagna elettorale.

Al momento della sua campagna, Yang stava spingendo per un “reddito di base universale” – un diritto di $ 1.000 al mese per ogni americano. L’idea era costosa, poco pratica. e pieno di potenziali conseguenze indesiderate. Ma ora, la concezione originale di Yang, con alcune importanti variazioni, potrebbe salvare milioni di americani dalla catastrofe finanziaria. Questo aiuta a spiegare perché sta trovando nuova vita dai sostenitori l Deputato di New York Alessandria Ocasio-Cortez (così come Yang stesso). Eppure l’UBI non ha bisogno di essere adottato nella sua forma originale per fare molto bene; non deve essere generoso come un diritto indefinito di $ 1.000 al mese, né deve essere universale. Almeno non ancora.

Il Congresso dovrebbe iniziare con un beneficio EBI mirato, rivolto in particolare ai lavoratori a basso salario nei settori dell’ospitalità, della ristorazione e dell’intrattenimento finanziariamente emorragici. I lavoratori a tempo pieno in questi settori dovrebbero ricevere almeno sei mesi di aiuti di emergenza, ad esempio $ 500 al mese.

È più probabile che questo soccorso mirato agli americani più in difficoltà raggiunga rapidamente il Congresso, senza una deviazione negli ingorghi ideologici che hanno afflitto il dibattito originale sull’UBI. Nel corso del tempo, il Congresso può prendere in considerazione l’estensione dei soccorsi per periodi più lunghi e a più americani man mano che le ricadute si ripercuotono sull’economia.

Mentre gli americani si accucciano nelle loro case per evitare il rischio di contagio, ristoranti, bar, hotel e centri congressi sono stati i primi a subire le ricadute. Nell’area di Washington, DC, ad esempio, il funzionario sindacale John Boardman detto l’affiliata locale della ABC che il 75% dei lavoratori dell’ospitalità della regione è già inattivo e che la quota di lavoratori in disparte potrebbe salire al 90% entro una settimana.

Portato su scala nazionale, questo significa che milioni di americani sono già senza lavoro. Lo riferisce il Bureau of Labor Statistics (BLS). 13,3 milioni Gli americani lavorano nel servizio di ristorazione, anche come cuochi, baristi, camerieri, lavastoviglie e altre occupazioni; più di 3 milioni lavorare come bidelli, cameriere e pulizie domestiche; e un altro 500.000 lavorare come bigliettai, uscieri e assistenti di parchi di divertimento. E poiché gli americani smettono di fare shopping, tagliarsi i capelli o andare in palestra, man mano che aumentano le restrizioni, ciò significa un pesante colpo finanziario per il 400.000 americani che lavorano come parrucchieri e barbieri; il più di 300.000 che lavorano come istruttori di fitness; e il 4,5 milioni che lavorano nella vendita al dettaglio.

Pochi di questi lavoratori possono permettersi di trascorrere un lungo periodo di tempo senza paga. I lavoratori della ristorazione guadagnano in media $ 25.580 all’anno, mentre i parrucchieri guadagnano in media $ 30.190, secondo BLS. Le cameriere e le pulizie domestiche guadagnano in media $ 25.520, mentre gli “assistenti di divertimento e ricreazione” guadagnano $ 23.460. Nel 2020, la soglia di povertà federale per una famiglia di tre persone è di $ 21.720.

Il gruppo senza scopo di lucro Prosperity Now lo trova più di un terzo delle famiglie statunitensi sono “povere di disponibilità liquide”, il che significa che non hanno abbastanza denaro a disposizione per far fronte a tre mesi di spese familiari. Tra le famiglie di colore, che sono anche sproporzionate rappresentato nelle occupazioni a basso salario, il tasso di povertà liquida è alto come 53 per cento.

Fornire a questi lavoratori una fonte di reddito stabile a medio termine potrebbe aiutarli a continuare a pagare l’affitto ea mettere il cibo in tavola. Potrebbe aiutare a evitare le più terribili difficoltà dello sfratto e della fame e aiutare i più vulnerabili a evitare di rivolgersi a prestatori con giorno di paga, banchi dei pegni e altri fornitori finanziari predatori che potrebbero essere fin troppo ansiosi di trarre profitto da questa crisi.

EBI sarebbe anche più immediato della semplice espansione dei sussidi di disoccupazione, come il sollievo dal coronavirus il pacchetto approvato di recente dalla Camera andrebbe bene. Sebbene il miliardo di dollari per i sussidi di disoccupazione inclusi in quella fattura sia un passo fondamentale, è probabile che molti lavoratori manchino comunque se sono temporaneamente inattivi. La maggior parte dei programmi statali di assicurazione contro la disoccupazione richiedono ai candidati di dimostrare di esserlo analizzare, cercare, guardare per il lavoro, un’esigenza che ha poco senso quando intere industrie sono semplicemente evaporate per il momento. I lavoratori devono anche essere disoccupati per essere ammissibili, invece di essere semplicemente licenziati dal loro lavoro. Inoltre, devono presentare domanda per nuovi sussidi settimanalmente, un dettaglio burocratico che ha senso in circostanze normali ma che oggi rappresenta un ostacolo inutile al sollievo. E mentre l’aiuto proposto fornirebbe 500 milioni di dollari in aiuti di emergenza agli stati, quegli stati devono quindi mostrare un aumento del 10% della disoccupazione per poter beneficiare di questi dollari, una barra apparentemente alta che potrebbe richiedere del tempo per raggiungere. In breve, questi programmi e proposte non soddisfano le richieste di una pandemia senza precedenti. Avremo bisogno di qualcosa in più.

La buona notizia è che l’adozione da parte dell’amministrazione degli aiuti diretti significa che potrebbe riconoscere i difetti del taglio delle tasse sui salari proposto per la prima volta dal presidente Donald Trump, che andrebbe a vantaggio in gran parte dei lavoratori più ricchi e di coloro che riescono a mantenere il proprio lavoro.

Le ricadute economiche della pandemia di coronavirus richiederanno senza dubbio un’attenzione continua a lungo termine. Ma ora dobbiamo intraprendere azioni drammatiche per attenuare il dolore immediato dei lavoratori più vulnerabili d’America.

Fonte: Trudig.com

Articoli correlati