Home PoliticaMondo Erdoğan trama guerra, repressione per salvarsi la pelle

Erdoğan trama guerra, repressione per salvarsi la pelle

da Notizie Dal Web

Paul Taylor è un redattore collaboratore di POLITICO.

PARIGI — Dopo aver fatto crollare l’economia turca e impoverito la classe media che lui stesso aveva arricchito, il presidente Recep Tayyip Erdoğan sta ora trascinando il suo Paese verso una guerra inutile e manipolando i tribunali contro i suoi rivali.

È una spinta spietata di Erdoğan per aggrapparsi al potere nel 2023 – il centenario della Repubblica turca – e speriamo che fallisca.

Le elezioni presidenziali turche, che si terranno il 23 giugno, sono senza dubbio il voto più importante, anche se non il più giusto, al mondo quest’anno. Stabilirà se questa nazione di 85 milioni di cittadini, sulla cerniera tra Europa, Asia e Medio Oriente, continuerà a precipitarsi lungo la strada per diventare una potenza autoritaria ed espansionista, o se sceglierà un percorso più liberale e pluralista.

Per la prima volta da quando il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) di Erdoğan, conservatore e con sfumature islamiste, è salito al potere nel 2002, c’è una seria prospettiva di cambiamento politico. L’inflazione supera l’80% all’anno, la lira turca è crollata rispetto al dollaro e la popolarità del governo è diminuita mentre le difficoltà economiche sono aumentate.

Secondo i sondaggi, Erdoğan – che ha governato con mano sempre più autocratica dopo aver modificato la costituzione per creare un sistema presidenziale su misura – è in gravi difficoltà politiche, con l’AKP che riceve a malapena il 30% di sostegno.

Naturalmente, la sua risposta è stata tipicamente brutale sia sul fronte interno che su quello internazionale.

Nonostante l’opposizione sia di Washington che di Mosca, Erdoğan l’ha fatto preparativi strombazzati inviare carri armati in Siria, cercando di sloggiare le milizie curde alleate con l’Occidente nella lotta contro i militanti dello Stato islamico, ma che Ankara vede come collegate ai guerriglieri fuorilegge del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). Sembra determinato a completare una zona cuscinetto dall’altra parte del confine meridionale della Turchia.

Intanto lo è anche il presidente turco minacciando di colpire L’alleato della NATO, la Grecia, tra controversie fabbricate sulla trivellazione del gas, Cipro e la presunta “militarizzazione” delle isole greche nel Mar Egeo, sebbene il costo economico e politico internazionale di qualsiasi azione del genere la renda altamente improbabile.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, Erdoğan ha posizionato la Turchia come mediatore indispensabile tra Mosca e Kiev, aiutando offerte di intermediazione e ospitare colloqui tra i capi della sicurezza statunitensi e russi. È anche riuscito a sostenere l’Ucraina, anche con la vendita di droni militari, mantenendo legami commerciali ed energetici con la Russia e senza mettere a repentaglio il suo rapporto personale con il presidente Vladimir Putin o incorrere nell’ira dell’Occidente.

Nel frattempo, tornato in patria, il presidente turco ha utilizzato un sistema giudiziario non del tutto noto per la sua indipendenza per cercare di squalificare i suoi più potenti potenziali sfidanti.

Il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoğlu – una figura popolare del Partito popolare repubblicano di centrosinistra (CHP), che potrebbe essere un candidato presidenziale unificante dell’opposizione – è appena stato condannato a più di due anni di carcere e interdizione dai pubblici uffici per “insulto a pubblico ufficiale”. Per ora, la sentenza ha sospeso i ricorsi pendenti, ma Erdoğan potrebbe tentare di accelerare il processo giudiziario, quindi al suo rivale è impedito di candidarsi.

L’Occidente sarebbe senza dubbio sollevato nel vedere le spalle di Erdoğan | Adem Altan/AFP tramite Getty Images

Inoltre, oltre 100 politici del principale Partito democratico popolare filo-curdo (HDP) rimangono sotto processo per presunti reati di terrorismo, che potrebbero portare alla messa al bando del movimento. L’HDP non fa parte dell’alleanza di opposizione a sei partiti, che sta mettendo insieme una piattaforma elettorale comune, che va dalla sinistra socialdemocratica al centrodestra liberale. Tuttavia, potrebbe emergere come kingmaker se – come suggeriscono i sondaggi – né l’AKP né l’opposizione otterranno la maggioranza in parlamento.

Erdoğan, ex sindaco di Istanbul, è stato lui stesso vittima di simili vessazioni giudiziarie prima che l’AKP trionfasse nel 2002. Condannato a un anno di carcere per aver letto una poesia presumibilmente islamista, gli è stato impedito di candidarsi e costretto ad aspettare prima di diventare primo ministro.

Tuttavia, resta da vedere fino a che punto questo formidabile attivista sia disposto a spingersi questa volta in termini di vera azione militare per giocare la carta nazionalista nella sua lotta per la rielezione.

In 20 anni Erdoğan è passato da una politica di “zero problemi con i vicini” a conflitti aperti o latenti con Siria, Grecia, Israele, Egitto, Arabia Saudita e Armenia. Tuttavia, negli ultimi mesi, ha iniziato un riavvicinamento con molti di questi avversari, in parte perché il fallimento delle rivolte della Primavera araba sostenute dalla Turchia lo ha costretto a modificare la sua politica estera, ma anche perché ha un disperato bisogno di capitali arabi e occidentali per sostenere l’economia, sventrata dalla sua sconsiderata politica di mantenere bassi i tassi di interesse.

Mentre l’opinione pubblica è fortemente nazionalista in Turchia, un’incursione di terra in Siria che ha innescato una reazione degli Stati Uniti o della Russia, costringendo Ankara a fare marcia indietro, potrebbe ritorcersi contro di lui, così come il suo rozzo uso della magistratura per mettere da parte l’opposizione. D’altra parte, un’operazione transfrontaliera limitata con poche vittime turche potrebbe effettivamente essere accettabile per gli elettori, allo stesso modo in cui i regolari attacchi israeliani su Gaza in rappresaglia per gli attacchi missilistici palestinesi di Hamas sono visti come operazioni di polizia piuttosto che come guerre.

I prossimi mesi saranno quindi pieni di gesti marziali, anche in occasione del centesimo anniversario della fondazione di Mustafa Kemal Atatürk di una moderna repubblica laica sulle ceneri dell’Impero Ottomano.

I sostenitori del sindaco di Istanbul Ekrem Imamoğlu protestano contro la ripetizione delle elezioni del sindaco nel 2019 | Bulent Kilic/AFP tramite Getty Images

Erdoğan vorrà proiettare il potere restaurato della Turchia in un mondo multipolare in cui le potenze di medie dimensioni possono esercitare maggiore influenza, poiché gli Stati Uniti e la Russia sono meno disposti o in grado di agire come poliziotti globali. Ma dopo gli interventi in Libia ea sostegno dell’Azerbaigian contro l’Armenia, potrebbe benissimo fermarsi prima di un attacco di terra in Siria, se le maggiori potenze continuano ad avvertirlo.

L’Unione europea, purtroppo, rischia di essere uno spettatore piuttosto che una forza di moderazione o cambiamento. Il blocco è il principale partner commerciale della Turchia, ma ha perso influenza ad Ankara, poiché il processo di adesione all’UE del paese è moribondo e Bruxelles deve regolarmente riscattare la Turchia con l’assistenza per mantenere quasi 4 milioni di rifugiati siriani sul suo territorio piuttosto che lasciandoli inondare in Grecia.

L’Occidente sarebbe senza dubbio sollevato nel vedere le spalle di Erdoğan. Ma i governi stanno coprendo le loro scommesse, mantenendo aperte le linee di comunicazione all’uomo forte sul Bosforo e offrendo deprimente poco aiuto pubblico all’opposizione, anche se pregano silenziosamente per una Turchia più moderata e filo-occidentale a giugno.

Dita incrociate.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati