Home PoliticaMondo Gli Stati Uniti sono preoccupati che la Russia possa usare armi chimiche in Ucraina

Gli Stati Uniti sono preoccupati che la Russia possa usare armi chimiche in Ucraina

da Notizie Dal Web

WASHINGTON – I funzionari dell’amministrazione Biden hanno valutato che il presidente russo Vladimir Putin potrebbe usare armi chimiche in Ucraina prima di ricorrere a uno scontro nucleare con la NATO se le sue truppe continuano a perdere terreno.

Le preoccupazioni, secondo sei persone a conoscenza della questione, arrivano in mezzo a una spinta da parte dell’amministrazione per garantire che gli alleati siano preparati per un tale evento, nonché per mobilitare nuove risorse e investimenti nella produzione di sistemi di rilevamento per quando vengono utilizzate le sostanze chimiche . Le persone, che hanno parlato in condizione di anonimato per discutere delicate deliberazioni interne, includono funzionari degli Stati Uniti e del Dipartimento della Difesa.

Gli Stati Uniti non hanno alcuna intelligence per suggerire che un simile attacco in Ucraina sia imminente, ha detto la gente. In effetti, molti funzionari del DoD ritengono che i combattimenti si fermeranno durante i mesi invernali, con nessuna delle due parti in grado di prendere molto terreno.

Ma in caso di continue perdite sul campo di battaglia o di un completo collasso dell’esercito russo, alcuni alti funzionari che lavorano sulla questione hanno stabilito che Mosca potrebbe ricorrere all’impiego di armi chimiche, comprese quelle che il paese è stato associato all’uso nelavvelenamento di Alexei Navalny.

Un tale attacco comporterebbe sostanze chimiche facilmente occultabili, rendendo più difficile per i paesi occidentali attaccare Mosca, ha affermato un funzionario. La Russia potrebbe utilizzare agenti a base farmaceutica, noti colloquialmente come PBA, ha affermato quel funzionario. Alcuni prodotti chimici potrebbero essere usati per un attacco di massa anche se Mosca è nota per usare l’agente nervino Novichok contro una o due persone alla volta, hanno detto funzionari ed esperti. Ad esempio, alcune sostanze chimiche possono essere trasformate in aerosol o utilizzate nelle munizioni per infliggere danni a un vasto gruppo di persone.

Il Consiglio di sicurezza nazionale ha rifiutato di commentare.

Gli Stati Uniti sanno da tempo che la Russia sta investendo per aumentare la sua capacità di armi chimiche. I senatori questo autunno sono stati informati sulle scorte di armi chimiche della Russia e sulla minaccia in Ucraina, secondo un assistente del Congresso. Ma le preoccupazioni sul loro potenziale utilizzo in Ucraina arrivano quando i funzionari statunitensi credono sempre più che la Russia ricorrerà a una guerra non convenzionale se continua a perdere terreno.

Tale valutazione sta spingendo l’amministrazione Biden a migliorare il rilevamento e la preparazione per un potenziale attacco chimico. Questo autunno, il Pentagono ha inviato squadre nei paesi dell’Europa orientale per aggiornare le proprie forze armate sulle procedure in caso di minaccia chimica o biologica, secondo un funzionario del Dipartimento della Difesa e un’altra persona che ha familiarità con lo sforzo. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno fornito a Kiev dispositivi di protezione chimica, biologica e nuclearecome parte di miliardi di dollari in assistenza alla sicurezza.

Alti funzionari stanno anche spingendo per rielaborare l’approccio degli Stati Uniti sia alla preparazione che alla risposta a potenziali attacchi con armi chimiche da parte di vari attori, tra cui la Russia. L’amministrazione Biden sta sviluppando piani per aumentare gli investimenti nelle capacità di produzione di sistemi di rilevamento precoce e tecnologia indossabile come le maschere. Vuole anche rivalutare come raccogliere dati e informazioni migliori sulle capacità e sulle scorte dei paesi.

Gli Stati Uniti hanno intensificato gli sforzi per rintracciare l’uso da parte della Russia di Novichok, un agente nervino, dopo che la comunità internazionale lo ha collegato all’avvelenamento di Navalny, un schietto oppositore di Putin, e Sergei Skripal, un cittadino britannico che lavorava come ufficiale dell’intelligence russa .

Nel 2018, Skripal e sua figlia avevano bisogno di un intervento medico dopo essere entrati in contatto con il Novichok. E nel 2020, Navalny è stato ricoverato in Germania, dove i funzionari hanno affermato che c’erano “prove inequivocabili” che fosse stato avvelenato tramite Novichok mentre era a bordo di un volo. Entrambi gli uomini sono ancora vivi.

La Russia è stata anche associata all’uso di armi chimiche in Siria. Gli Stati Uniti hannoha accusato Moscadi aiutare il governo siriano a coprire il suo uso di munizioni tossiche vietate durante la sua guerra civile.

Esperti e funzionari hanno affermato che rintracciare agenti a base farmaceutica e raccogliere informazioni sul loro sviluppo, in particolare per scopi offensivi, è diventato sempre più difficile. Le sostanze utilizzate per sviluppare armi chimiche sono nascoste facilmente e possono essere incorporate all’interno di industrie legittime, ha affermato Gregory Koblentz, direttore del Biodefense Graduate Program presso la George Mason University.

“I nostri metodi di intelligence tradizionali in cui siamo davvero bravi, come le immagini satellitari e l’intelligence dei segnali, non sono poi così utili per dirti cosa sta succedendo all’interno di una di queste strutture biologiche fondamentali”, ha detto Koblentz. “Hai davvero bisogno dell’intelligenza umana per farlo, il che è molto difficile da ottenere.”

Ci sono stati segnali che la Russia potrebbe ricorrere a una guerra non convenzionale.Intelligence dagli Stati Uniti questo autunnoha mostrato che alti funzionari credevano che la Russia potesse usare armi nucleari in un atto di disperazione. E a ottobre, funzionari russi hanno affermato che l’Ucraina stava preparando un’operazione sotto falsa bandiera facendo esplodere una “bomba sporca” sul proprio territorio e ha messo in allerta le sue forze per rispondere a un potenziale attacco con armi chimiche, biologiche o nucleari.

Leader occidentaliha respinto le affermazioni, avvertendo che Mosca potrebbe usare la falsa accusa come pretesto per intensificare il conflitto. I funzionari statunitensi hanno espresso la preoccupazione che la Russia stessa potesse usare una bomba sporca, un’arma improvvisata da materiale di scorie nucleari radioattive ed esplosivi convenzionali, e quindi incolpare l’Ucraina per questo.

Durante la crisi, i funzionari statunitensi hanno fatto una raffica di telefonate alle loro controparti ucraine e russe, e la preoccupazione per una potenziale minaccia di bomba sporca è stata “repressa un po’”, ha detto un alto funzionario del Dipartimento della Difesa.

I funzionari non credono che sia probabile un attacco nucleare o chimico. I funzionari della difesa ritengono che i combattimenti rallenteranno durante i mesi invernali, quando la pioggia e il fango renderanno più difficile lo spostamento di carri armati e veicoli corazzati, e nessuna delle due parti farà molti progressi sul campo di battaglia. Nonostante la faticosa vittoria di Kyiv nel riconquistare la strategica città meridionale di Kherson, si vedono davanti a sé duri combattimenti per riconquistare terreno sul lato orientale del fiume Dnepr, dove si sono consolidate le forze russe.

“Non hanno la massa militare per vincere a breve termine, a meno di un grave collasso russo”, ha detto un funzionario del Dipartimento della Difesa. Ciò “potrebbe accadere, ma poi saliamo la scala dell’escalation”.

Tuttavia, la minaccia delle armi chimiche viene presa sul serio all’interno dell’amministrazione, hanno affermato i funzionari.

“Siamo sempre stati consapevoli che hanno i mezzi e le capacità per usare questo tipo di armi”, ha detto un funzionario del Pentagono. “La nostra valutazione rimane la stessa. Manteniamo un’attenta osservazione di questo conflitto, ma non abbiamo visto nulla che ci farebbe cambiare posizione”.

Gli Stati Uniti hanno sanzionato la Russia per il suo uso del Novichok, prendendo di mira le entità coinvolte nello sviluppo delle capacità di armi chimiche del paese. Ha anche sanzionato i gruppi russi coinvolti nello sviluppo delle capacità di armi biologiche di Mosca.

Negli ultimi mesi, senza fornire prove, i funzionari russi hanno affermato pubblicamente che gli Stati Uniti possiedono un programma segreto di armi biologiche. Per la prima volta in quasi 25 anni, quest’anno la Russia ha convocato un’udienza relativa alle sue accuse ai sensi della Convenzione sulle armi biologiche, un trattato internazionale firmato nel 1975 per impedire ai paesi di sviluppare e utilizzare armi biologiche.

Funzionari ed esperti affermano che è un tentativo da parte della Russia di spingere la disinformazione come un modo per screditare gli Stati Uniti mentre continuano a rafforzare il sostegno all’Ucraina sul campo di battaglia

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati