Home PoliticaMondo Google riceve un’indagine antitrust britannica sui pagamenti delle app

Google riceve un’indagine antitrust britannica sui pagamenti delle app

da Notizie Dal Web

Google ne ha ottenuto un terzo indagine antitrust dal controllo della concorrenza del Regno Unito, aggiungendo il controllo dei pagamenti dei suoi app store alle precedenti indagini sulle regole pubblicitarie per la fatturazione in-app, ha affermato venerdì l’autorità.

Anche l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (CMA). annunciato una nuova indagine di mercato sui browser mobili e sul cloud gaming in cui afferma di vedere Google e Apple “tenere tutte le carte in mano”. Il nuovo lavoro fa seguito a quello appena pubblicato rapporto negli ecosistemi mobili.

La CMA ha fissato un obiettivo di dicembre per un’indagine iniziale su come le regole del Play Store di Google richiedano agli sviluppatori di app di utilizzare il sistema di pagamento di Google, Google Play Billing, per gli acquisti in-app, hanno affermato le autorità di regolamentazione. Sta già indagando su Google pila adtech e offerta pubblicitaria.

Le commissioni che Google e Apple addebitano agli sviluppatori che vendono nei loro app store vengono esaminate da agenzie antitrust e tribunali di tutto il mondo. Prendere una riduzione delle vendite di app ha aumentato le entrate per le due piattaforme e ha suscitato lamentele da parte degli sviluppatori secondo cui devono affrontare una tassa ingiusta sulla loro attività.

Essere costretti a utilizzare i sistemi di pagamento in-app di Google o Apple significa che gli sviluppatori non possono evitare le commissioni. Le piattaforme sostengono che le entrate aiutano a pagare per l’ambiente di app mobili sicuro e ben funzionante che forniscono.

Ad aprile sono entrate in vigore le nuove regole del Google Play Store che richiedono agli sviluppatori di utilizzare il sistema di pagamento dell’azienda per la vendita di servizi di app. Google aveva in precedenzadisseche tutte le app che non si fossero allineate entro il 1 giugno sarebbero state rimosse dal Play Store.

Google ha affermato in risposta che esamina regolarmente “come possiamo supportare al meglio gli sviluppatori e abbiamo reagito rapidamente al feedback CMA in passato” e si è impegnato a “esaminare il rapporto e continuare a impegnarsi con il CMA”.

La CMA ha anche detto che lo è consulenza sull’avvio di un’indagine di mercato sul potere di mercato di Apple e Google nei browser mobili e sulle restrizioni di Apple sui giochi in cloud tramite il suo App Store, a seguito del pubblicazione di uno studio durato un anno sugli ecosistemi mobili delle aziende che ha scoperto che entrambe le società hanno una “morsa mortale” su questi mercati. La CMA ha già un’indagine su Apple app Store.

“In questo momento, la scelta in questo spazio è fortemente limitata e ciò ha un impatto reale: prevenire l’innovazione e ridurre la concorrenza delle app Web”, ha affermato Andrea Coscelli, capo dell’autorità britannica. “Dobbiamo dare alle aziende tecnologiche innovative, molte delle quali sono start-up ambiziose, un’equa possibilità di competere”.

Anche la fatturazione in-app di Google è in corso sondato dall’autorità antitrust olandese sulla base di un reclamo dell’app di incontri Match in merito ai nuovi termini e condizioni. Una denuncia simile rivolta a Google è stata presentata anche all’Ufficio federale dei cartelli tedesco.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati