Home Cronaca I giovani transgender hanno una storia

I giovani transgender hanno una storia

da Notizie Dal Web

Per quanto i loro dubbiosi vorrebbero negarlo.

I politici e gli esperti che denunciano la “tendenza” dei bambini transgender attualmente dominano le onde radio americane. Dal documentario di Matt WalshCos’è una donna?asostenitori delle restrizioni statali sull’assistenza sanitaria che afferma il genere, i dibattiti politici e culturali nel 2022 sostengono costantemente l’argomento secondo cui i bambini trans stanno arrivando dal nulla, senza precedenti storici. Questi punti di discussione non sono nuovi; storicamente parlando, nemmeno i giovani trans.

Il 12 aprile 2022,il Los Angeles Times ha pubblicato un articolonella sua sezione “Mondo e nazione”, non nella sezione Opinione, intervistando l’ex presidente della World Professional Association for Transgender Health (WPATH), la dottoressa Erica Anderson. Nelle sue osservazioni, Anderson ha sostenuto che l’aumento dei tassi di assistenza medica correlata alla transizione – terapia ormonale sostitutiva, chirurgia per l’affermazione del genere e assistenza psicologica – sono un prodotto della “popolarità delle identità alternative” e della “pressione dei pari”. Come afferma Anderson, lei stessa psicologa e donna trans residente in California, “Penso che sia andato troppo oltre […] Un discreto numero di ragazzi ci sta entrando perché è alla moda”.

Anderson non è il primo (o l’unico) medico, per non parlare di trans uno, a criticare questo fenomeno, indicato nei thread virali di Twitter e nei video di TikTok come “transtrendiness”. Ma argomenti come questi non stanno solo alimentando il controllo medico; storicamente mancano il punto. L’affermazione di Anderson secondo cui i numeri trans oggi sono un “aumento” dimostra i buchi nella sua storia trans. Sostenere che i tassi di giovani trans sono “in aumento” richiederebbe che i tassi precedenti non fossero stati artificialmente depressi a un livello inconoscibile. “In aumento” è un paragone con la storia, un paragone che ignora i bambini trans le cui esistenze possono essere tracciate sia all’interno che all’esterno delle cartelle cliniche.

Come descrive lo storico trans Jules Gill-Peterson in una monografia del 2018 Histories of the Transgender Child, i giovani trans e le popolazioni trans in generale, non hanno iniziato improvvisamente a esistere in massa negli anni ’80. Sessant’anni prima dell’intervista di Anderson, una giovane donna trans di nome Agnes ha rubato le pastiglie di estrogeni di sua madre per dimostrare alla Clinica per il genere e la sessualità dell’Università della California-Los Angeles che avrebbe fatto qualsiasi cosa per il trattamento, una storia dettagliata nel documentario di Sundance di quest’anno Inquadrare Agnes. Più tardi quel decennio, le famiglie dei bambini transgender hanno presentato una petizione alla Johns Hopkins Medical School per creare la propria clinica. Ancor prima, ai giovani trans veniva concesso l’accesso ai servizi igienici che corrispondevano alla loro presentazione di genere – e venivano accettati dalla loro comunità nel processo – decenni prima che i legislatori repubblicani puntassero le loro speranze politiche sulla “minaccia transgender”.

Non tutte le infanzie trans possono essere trovate negli archivi medici. Come esplora la ricerca di Gill-Peterson, alcuni individui trans hanno evitato completamente l’interazione con l’industria medica; le comunità clandestine queer e trans hanno giocato a fare il chimico con il trattamento ormonale fai-da-te. Altri hanno navigato più surrettiziamente nell’intervento medico e non sono diventati titoli nazionali. A molti, molti di più è stato negato il trattamento da parte del personale della clinica di genere prominente e apparentemente comprensivo presso la USC, la Johns Hopkins University o altre strutture. Molte infanzie trans nel ventesimo secolo si sono concluse con note di suicidio.

Senza un contesto storico, i bambini trans continueranno a essere trattati come anomalie dei giorni nostri e il rinvio continuerà.

Con ogni probabilità, il dottor Anderson non ha letto tutti i libri, visto tutti i film o appreso ogni sfumatura storica della storia trans statunitense: quel campo di studi è denso e, troppo spesso, incredibilmente desolato. Probabilmente ha la sua linea temporale della storia trans: la copertura nazionale degli interventi chirurgici di riassegnazione sessuale di Christine Jorgenson nei primi anni ’50, la crisi dell’HIV / AIDS e l’accesso relativamente maggiore alle risorse trans nell’ultimo decennio che ha permesso alla stessa Anderson di uscire allo scoperto e la transizione quattro anni fa, all’età di 59 anni. Non c’è motivo per cui Anderson sarebbe un esperto di storia della gioventù trans, avendo affrontato la transizione dalla realtà materiale di un ricco medico e non da bambino con meno diritti medici per legge.

Indipendentemente da ciò, le osservazioni del Dr. Anderson hanno delle conseguenze. La World Professional Association for Transgender Health (WPATH), che prescrive quadri diagnostici e migliori pratiche per i singoli medici,proposto nuovi standard di cura nel 2021stabilire limiti di età più dettagliati per il trattamento ormonale e gli interventi chirurgici in mezzo a un controllo conservativo. Anderson è l’ex presidente di quell’organizzazione.

Le osservazioni di Anderson al Times forniscono anche carburante per la futura politica statale. Nel febbraio 2022,Il governatore del Texas Greg Abbott e il procuratore generale Ken Paxton hanno tentato di creare quadri legalireinterpretare l’assistenza dei genitori ai giovani che ricevono cure legate alla transizione come “abuso sui minori”. Sebbene un ordine esecutivo dell’amministrazione Biden abbia ostacolato questi piani iniziali, nel tumulto del ciclo elettorale di medio termine, il consiglio medico statale della Florida ha votato per vietare l’assistenza sanitaria che afferma il genere per i minori trans. Il giorno dopo, i repubblicani del Tennessee hanno presentato un disegno di legge che fa lo stesso, invocando un obbligo legislativo di “tutelare la salute e il benessere dei minori.” Il suo titolo: la legge sulla protezione dei bambini dalle mutilazioni di genere.

La psicologa del Texas, della Florida e della California Erica Anderson si sovrappone non nella loro posizione sull’ammissibilità morale dell’esistenza trans, ma nella loro retorica secondo cui i giovani trans oggi sono influenzati dai social media e non stanno riflettendo correttamente sulle ramificazioni di “alterazioni della vita”. procedure”. Quando Anderson, i conservatori e coloro che sono stati trascinati in deliri morali definiscono la gioventù trans una tendenza, lanciano avvertimenti che, involontariamente ma soprattutto, si sovrappongono.

Ma i conservatori moderni non hanno inventato questa strategia. Descrivendo in dettaglio il caso di un bambino anonimo a cui è stata negata più volte la terapia ormonale sostitutiva (dopo diagnosi multiple di disforia di genere) sulla base del fatto che il bambino potrebbe pentirsi della scelta in seguito, lo storico trans Jules Gill-Peterson descrive la strategia alla base del ritardo dell’intervento medico al fine di sorvegliare e alla fine negalo: “Continua a rimandare finché non c’è più niente da rimandare”. Senza un contesto storico, i bambini trans continueranno a essere trattati come anomalie dei giorni nostri e il rinvio continuerà.

La posta I giovani transgender hanno una storia apparso per primo su Verità.

Fonte: www.veritydig.com

Articoli correlati