Home PoliticaMondo I leader occidentali accusano la Russia di crimini di guerra per la distruzione della diga

I leader occidentali accusano la Russia di crimini di guerra per la distruzione della diga

da Notizie Dal Web

I danni alla diga ucraina Nova Kakhovka, che ha scatenato massicce inondazioni nella regione di Kherson, potrebbero essere un potenziale crimine di guerra, hanno affermato martedì i leader dell’UE e dell’Ucraina.

“La distruzione della diga di Kakhovka odierna mette a rischio migliaia di civili e provoca gravi danni ambientali”, ha affermato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg disse in una conferenza stampa del vertice Bucarest Nine (B9) in Slovacchia. “Questo è un atto oltraggioso, che dimostra — ancora una volta — la brutalità della guerra della Russia contro l’Ucraina”.

Ha aggiunto che il danno alla diga ha dimostrato che la guerra che il presidente russo Vladimir Putin ha scatenato contro l’Ucraina “è totalmente inaccettabile e una palese violazione del diritto internazionale”.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato di aver visto l’attacco come una “nuova dimensione” della guerra russa. Mentre ha evitato di dire esplicitamente che le forze del Cremlino hanno distrutto la diga, ha detto che l’attacco “si adatta al modo in cui Putin sta conducendo questa guerra”, nei commenti fatti a un evento a Berlino.

Scholz ha affermato che la Russia ha subito “molte battute d’arresto” nel corso della guerra e ne ha “sempre tratto la conclusione per procedere con un’aggressione ancora maggiore contro l’Ucraina”.

La distruzione della diga “si unisce a molti, molti dei crimini che abbiamo visto in Ucraina che sono stati emanati dai soldati russi”, ha continuato Scholz.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha raddoppiato questa posizione, affermando che la Russia stava usando la diga, che si trova nelle vicinanze della centrale nucleare di Zaporizhzhia, come “arma da guerra”, mettendo a rischio molte vite. “C’è solo un responsabile di questo disastro ambientale: la criminale guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina”, Baerbock disse.

In un dichiarazione congiunta, il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell e il commissario per la gestione delle crisi del blocco Janez Lenarčič hanno affermato che la Russia “sta continuando la sua spericolata scommessa nucleare” con un “atto disperato”.

“Rappresenta una nuova dimensione delle atrocità russe e può costituire una violazione del diritto internazionale, in particolare del diritto internazionale umanitario”, si legge nella dichiarazione.

Il ministro degli Esteri britannico James Cleverly ha definito l’attacco alla diga “un atto ripugnante” aggiungendo: “Attaccare intenzionalmente infrastrutture esclusivamente civili è un crimine di guerra”.

Martedì scorso, funzionari ucraini hanno affermato che la Russia ha bombardato la diga di epoca sovietica, che collega il fiume Dnipro in Ucraina in una parte della regione di Kherson occupata dalle truppe russe, trattenendo fino a 18 chilometri cubi di acqua, allagamento villaggi circostanti. La diga fornisce acqua anche alla penisola di Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014. La diga funge da uno dei tre principali attraversamenti lungo il Dnepr.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kulebadisseil danno alla diga è stato “probabilmente il più grande disastro tecnologico europeo degli ultimi decenni”, aggiungendo che potrebbe costituire un “odioso crimine di guerra”.

La Russia ha affermato che l’Ucraina era responsabile dell’attacco, cosa che Kiev nega.

Gli esperti indicano che Mosca ha molto più da guadagnare dalla distruzione della diga, poiché cerca di rallentare la tanto attesa controffensiva dell’Ucraina.

“La Russia controlla la diga… da più di un anno”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy disse al vertice B9. “È fisicamente impossibile farlo saltare in aria in qualche modo dall’esterno… È stato minato dagli occupanti russi. E l’hanno fatto saltare in aria”.

Matt Honeycombe-Foster ha contribuito alla segnalazione.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati