Home Politica I manifestanti hanno interrotto l’evento di reclutamento per il principale appaltatore della difesa General Dynamics

I manifestanti hanno interrotto l’evento di reclutamento per il principale appaltatore della difesa General Dynamics

da Notizie Dal Web

Un evento di reclutamento di General Dynamics Mission Systems nel complesso di scienza e ingegneria è stato interrotto lunedì sera quando gli studenti e i manifestanti della comunità hanno interrotto l’evento con canti e disobbedienza civile.

General Dynamics, una società aerospaziale e della difesa, è il sesto appaltatore della difesa più grande al mondo con miliardi di dollari di entrate annuali. Produce carri armati, navi, petroliere, business jet, tecnologie di intelligence e sorveglianza, missili, razzi, componenti di missili nucleari e altro ancora. Il suo cliente principale è il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, anche se fa affari anche con governi stranieri e società private. General Dynamics Mission Systems è il ramo della sicurezza e della tecnologia di General Dynamics.

L’evento di reclutamento di lunedì doveva durare dalle 17:00 alle 20:00. ma è stato interrotto intorno alle 18:30, dopo che i manifestanti hanno interrotto le presentazioni dei reclutatori nell’atrio della SEC. L’evento è stato organizzato da una manciata di rappresentanti di General Dynamics e hanno partecipato circa quattro studenti, secondo uno dei partecipanti. I manifestanti erano almeno 20 e includevano studenti universitari e laureati e membri della comunità locale.

In risposta ai discorsi e ai canti dei manifestanti, i reclutatori della General Dynamics inizialmente hanno spostato la loro sessione informativa dall’atrio della SEC in una stanza più piccola nella Anderson Hall. Dopo che i manifestanti hanno interrotto anche quella riunione, i reclutatori hanno imballato i loro materiali e se ne sono andati.

I manifestanti sono raffigurati mentre tengono dei cartelli nella SEC il 25 aprile 2022. Chloe Courtney Bohl / The Tufts Daily

Nell’atrio della SEC, i manifestanti hanno richiamato l’attenzione su un attacco aereo del 2018 in Yemen, in cui missili guidati fabbricati dalla General Dynamics hanno colpito uno scuolabus e ucciso 40 bambini.

“Immagina di avere 10, 12 anni, di ritorno da una gita, e all’improvviso una bomba cade sulla tua testa e uccide l’intera classe”, ha gridato un manifestante in un megafono, soffocando il reclutatore di General Dynamics presentazione delle posizioni aperte in azienda.

Tom Crosson, direttore degli affari pubblici presso General Dynamics Mission Systems, non ha offerto una risposta diretta alle domande del Daily sull’attacco dei droni del 2018 in Yemen. Invece, ha condiviso un collegamento alla sezione “Responsabilità aziendale” del “Bilancio di sostenibilità aziendale 2021” dell’azienda. Il rapporto afferma il rispetto dell’azienda per i diritti umani, un valore che afferma “è incorporato a tutti i livelli della [sua] attività”.

Maya Morris, un’anziana di Tufts e una degli organizzatori della protesta, ha tenuto un cartello con la scritta: “Le bombe prodotte dagli Stati Uniti uccidono i bambini yemeniti”.

“La General Dynamics esiste per trarre profitto dalle guerre. Questa è la base della loro esistenza”, ha detto Morris al Daily. “Se non c’è la guerra, non possono fare soldi; non possono trarre profitto. Non importa per quale settore lavori in General Dynamics. La base della loro esistenza è guadagnare con la vendita di armi”.

Mentre i reclutatori della General Dynamics si preparavano a spostare il loro evento al piano di sopra all’Anderson Hall, il tenente Moses Curry del dipartimento di polizia della Tufts University ha informato i manifestanti che stavano violando il codice di condotta degli studenti interrompendo lo spazio di studio nell’atrio della SEC. I manifestanti hanno deciso di spostare la loro manifestazione fuori, davanti ai gradini della SEC, dove hanno continuato a cantare e tenere discorsi per un’altra ora.

Jeff Parente ha sentito parlare della protesta attraverso Massachusetts Peace Action, un’organizzazione no-profit contro la guerra. Ha servito nell’esercito americano per otto anni ed è membro dei Veterans for Peace.

“Come appaltatore militare – come membro del complesso industriale militare – [General Dynamics consente] al nostro governo e alle nostre forze armate di perseguire tutte queste azioni in tutto il mondo, tutti i bombardamenti con i droni”, ha affermato Parente. “Se non fosse per queste aziende che inventano tutte queste armi nuove e innovative – i droni, le bombe intelligenti e tutto il resto – i militari non sarebbero in grado di fare tutto. Se non fosse per cose come i droni, avremmo bisogno di più membri militari effettivi nei paesi, e questo potrebbe far dubitare di più le persone”.

In un’e-mail al Daily, Crosson ha difeso la missione e i valori aziendali di General Dynamics.

“La nostra etica è radicata in cinque valori: onestà, fiducia, umanità, allineamento e creazione di valore”, ha scritto Crosson. “I nostri dipendenti sono una comunità di persone dedite a questa etica. È la nostra etica che ci spinge a essere buoni amministratori degli investimenti in noi da parte dei nostri azionisti, clienti, dipendenti e comunità”.

Mentre la maggior parte dei manifestanti ha manifestato all’esterno, tre studenti hanno seguito i reclutatori nella stanza di Anderson Hall, dove hanno continuato a mettere in discussione il modello di business e i valori dell’azienda. I tre studenti sono stati chiamati fuori dalla stanza da Curry, che ha chiesto loro di identificarsi. Curry ha detto agli studenti di aver interrotto una riunione legale identificandosi erroneamente con i reclutatori per poter entrare nella sessione informativa trasferita. Uno studente ha risposto di aver dichiarato con precisione la propria identità al reclutatore come studente di ingegneria per poter entrare nella stanza.

Quando gli studenti si sono rifiutati di fornire i loro documenti d’identità o di condividere i loro nomi, Curry ha detto loro: “Abbiamo telecamere dappertutto. … Saremo in grado di identificare tutti”.

“Non stiamo cercando di minacciarvi in ​​alcun modo”, ha aggiunto Curry.

La dott.ssa Karen Panetta, preside della formazione universitaria per la Scuola di Ingegneria, ha organizzato l’evento di reclutamento. In una dichiarazione scritta al Daily, ha spiegato di essere aperta ad ascoltare ciò che i manifestanti avevano da dire, ma di disapprovare i loro metodi.

“Celebriamo gli studenti che presentano prospettive diverse e ho personalmente accolto con favore gli studenti manifestanti per un discorso rispettoso. I visitatori ospiti sono stati anche felici di avere gli studenti in protesta presenti all’evento per discutere le loro opinioni”, ha scritto Panetta. “Disonestà, intimidazione, prepotenza e volgarità non ottengono consensi o rispetto e non sono caratteristiche di una protesta pacifica. Questi comportamenti servono solo a dividere e allontanare le persone e non hanno posto a Tufts.

Ristampato con il permesso di The Tufts Daily.

Il post I manifestanti hanno interrotto l’evento di reclutamento per il principale appaltatore della difesa General Dynamics è apparso per primo Blog di Antiwar.com.

Fonte: antiwar.com

Articoli correlati