Home PoliticaMondo I ministri dell’Energia si incontreranno di nuovo a dicembre per cercare un accordo sul prezzo del gas

I ministri dell’Energia si incontreranno di nuovo a dicembre per cercare un accordo sul prezzo del gas

da Notizie Dal Web

I ministri dell’Energia dell’UE si riuniranno di nuovo per un altro Consiglio straordinario sull’energia prima di Natale, molto probabilmente il 13 dicembre, tra la diffusa disapprovazione della proposta di prezzo del gas di Bruxelles.

I ministri riuniti a Bruxelles per il Consiglio Energia di giovedì hanno raggiunto un accordo informale sugli elementi meno controversi del pacchetto di crisi energetica della Commissione, ma non hanno concordato una via da seguire sul cosiddetto meccanismo di correzione del mercato, hanno affermato quattro diplomatici dell’UE.

Un’alleanza di paesi che si oppone con veemenza alla proposta della Commissione – Belgio, Spagna, Italia, Polonia e Grecia – ha chiarito che non accetteranno formalmente il pacchetto più ampio fino a quando la questione del prezzo del gas non sarà stata risolta, hanno affermato due diplomatici.

Ciò richiederà un altro Consiglio straordinario sull’energia, che secondo tre diplomatici è previsto per il 13 dicembre, consentendo la firma di qualsiasi accordo da parte dei leader dell’UE che si riuniranno il 15 e 16 dicembre.

Il meccanismo di correzione del mercato proposto dalla Commissione comporterebbe un limite al prezzo delle negoziazioni mensili nel principale punto di scambio dell’UE, il TTF, ma solo quando i prezzi superano i 275 EUR per megawattora per due settimane e tali prezzi superano di 58 EUR il prezzo liquefatto globale prezzo del gas naturale (GNL) per 10 giorni.

Il piano è stato criticato da entrambe le parti del dibattito. I paesi a favore di un tappo hanno affermato che era stato progettato per non essere mai utilizzato; mentre i paesi scettici hanno affermato che la proposta rischia di minare la stabilità finanziaria del blocco.

I ministri hanno concordato in modo informale i piani della Commissione per accelerare l’approvazione dei progetti relativi alle energie rinnovabili e un pacchetto di solidarietà per la crisi energetica che include piani per l’acquisto congiunto di gas, misure di solidarietà per garantire lo scambio di forniture di gas all’interno dell’UE e un nuovo prezzo di riferimento per il GNL.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati