Home PoliticaMondo Il magnate dei media legato al Regno Unito Lebedev colpito dalle sanzioni canadesi

Il magnate dei media legato al Regno Unito Lebedev colpito dalle sanzioni canadesi

da Notizie Dal Web

Il Canada ha preso di mira il magnate dei media Alexander Lebedev come parte di un’ondata di nuove sanzioni contro gli oligarchi russi, in una mossa che pone un maggiore controllo sui legami del miliardario con il governo del Regno Unito.

Lebedev, che non è stato ancora sanzionato come parte degli sforzi del Regno Unito per scoraggiare la guerra del Cremlino in Ucraina, ha acquistato i media britannici l’Evening Standard e l’Indipendent poco più di un decennio fa. Lebedev è stato fotografato durante sontuosi raduni con il primo ministro britannico Boris Johnson, secondo quanto riferito dal Custode.

Il governo canadese confermato venerdì che altri 14 oligarchi russi, i loro familiari e “stretti collaboratori del regime di Putin” dovranno affrontare ulteriori sanzioni in Canada per aver consentito direttamente “l’insensata guerra di Vladimir Putin in Ucraina”.

Altre persone prese di mira includono il pilota di auto da corsa di Formula 1 Nikita Mazepin e David Davidovich, uno stretto collaboratore dell’ex proprietario del Chelsea Roman Abramovich, che ha venduto la squadra di calcio dopo essere stato soggetto a sanzioni britanniche.

I canadesi hanno anche vietato l’importazione e l’esportazione di “beni di lusso mirati” tra il loro paese e la Russia. Nell’annunciare le nuove restrizioni, il ministro degli Esteri canadese Mélanie Joly ha affermato che il Cremlino deve essere ritenuto responsabile delle sue azioni in Ucraina.

“Il regime di Putin deve, e lo farà, rispondere per i loro atti ingiustificabili”, ha detto. “Il Canada, insieme ai nostri alleati, sarà implacabile nei nostri sforzi per mantenere la pressione sul regime russo, fino a quando non sarà più in grado di fare la guerra”, ha aggiunto Joly.

Dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, il Canada ha imposto sanzioni a più di 1.000 persone ed entità provenienti da Russia, Ucraina e Bielorussia.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati