Home PoliticaMondo Il Papa lamenta la “macabra” guerra in Ucraina e il “barbaro” bombardamento di Mariupol

Il Papa lamenta la “macabra” guerra in Ucraina e il “barbaro” bombardamento di Mariupol

da Notizie Dal Web

Papa Francesco domenica ha descritto la guerra in Ucraina come una “macabra regressione dell’umanità” e ha affermato che la città di Mariupol è stata “barbaramente bombardata e distrutta”.

Tuttavia, il papa non ha detto specificamente che la Russia fosse responsabile della guerra o dell’assalto a Mariupol, in linea con il Vaticano politica controversa di evitare le critiche dirette a Mosca nella speranza di mantenere uno spazio aperto per la meditazione.

Tra 15 minuti discorso A migliaia di persone in piazza San Pietro, il papa ha detto che il suo “pensiero va subito alla città ucraina di Mariupol, la città di Maria, barbaramente bombardata e distrutta”. Per i cattolici il mese di maggio è dedicato a Maria, madre di Dio.

Poco dopo il suo discorso, il papa si è poi rivolto a Twitter per diffondere il suo messaggio ucraino, russo e inglese.

Il papa ha anche rinnovato la richiesta di creare “corridoi umanitari sicuri” per le persone intrappolate a Mariupol. Nel fine settimana, fonti sia ucraine che russe segnalato che un piccolo gruppo di persone è riuscito a fuggire dalle acciaierie assediate della città Azovstal. Ma si dice che circa 1.000 persone siano ancora intrappolate all’interno.

Nel descrivere il conflitto come “una macabra regressione dell’umanità”, il papa si è anche chiesto ad alta voce se ci fosse una reale volontà di evitare un’escalation militare e verbale in corso e di “mettere a tacere le armi”.

“Soffro e piango pensando alla sofferenza del popolo ucraino, in particolare dei più deboli, degli anziani, dei bambini”, ha detto.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati