Home PoliticaMondo Il papa può pregare per Putin, ma si aggrappa alla neutralità nei confronti dell’Ucraina

Il papa può pregare per Putin, ma si aggrappa alla neutralità nei confronti dell’Ucraina

da Notizie Dal Web

ROMA — Quando il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov si è rivolto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite poche settimane dopo che il Cremlino aveva fatto rotolare i carri armati in Ucraina, circa 140 diplomatici se ne sono andati. Uno dei pochi rimasti: l’inviato della Santa Sede.

La decisione della Santa Sede ha caratterizzato quella che alcuni in Occidente vedono come una tendenza esasperante dell’entità sovrana neutrale a sedersi sulla recinzione piuttosto che nominare e umiliare il presidente russo Vladimir Putin, che ha usato la potente Chiesa ortodossa russa imprimatur per aiutare a legittimare la sua brutale guerra revanscista in Ucraina.

In diverse organizzazioni intergovernative, il territorio sovrano si è più volte astenuto dai voti di condanna dell’aggressione russa, anche prima dell’invasione dell’Ucraina. All’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), la Santa Sede ha rifiutato di appoggiare una misura di condanna dell’uso di agenti nervini da parte del Cremlino. E a marzo presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), che abbraccia diverse dozzine di paesi europei, la Santa Sede si è astenuta dal voto per indagare su possibili crimini di guerra in Ucraina.

Invece, papa Francesco ha scelto di deplorare la guerra con una retorica vivida ma non specifica. La definì una “guerra sacrilega” e si riferì a un “potenziato coinvolto in pretese anacronistiche di interesse nazionale”.

Ma ha evitato di nominare Vladimir Putin e la Russia. Né ha menzionato il capo della Chiesa ortodossa russa, il patriarca Kirill, un sostenitore chiave di Putin che ha sanzionato l’invasione come una “guerra santa”. E in particolare, Francesco si è opposto all’invio di armi in Ucraina, affermando che un riarmo guiderà un nuovo “equilibrio del terrore”.

Per Francis, il dilemma è se usare la sua posizione morale per denunciare esplicitamente la Russia o trattenersi nella speranza di creare spazio per la mediazione. Un possibile ruolo costruttivo, ad esempio, potrebbe essere quello di coinvolgere la Chiesa ortodossa russa sulle opzioni di risoluzione dei conflitti.

I sostenitori della Chiesa affermano che un tenace impegno per la neutralità è pragmatico, basato sulla convinzione che tiene aperta la porta al dialogo e al pensiero a lungo termine. Inoltre, non è chiaro cosa potrebbe realizzare il Vaticano con un tono più aggressivo, data l’intransigenza di Putin e la mancanza di potere della Santa Sede sulla Chiesa ortodossa russa, che ha sostenuto con entusiasmo la guerra di Putin.

Il cardinale Michael Czerny, che ha lavorato in Ucraina per conto del papa, ha detto che Francesco è già stato “molto duro” nelle sue critiche. “Non c’è bisogno di fare nomi”, ha aggiunto. “Farlo rende solo più difficile il dialogo”.

Tuttavia, l’approccio della Santa Sede ha lasciato l’amaro in bocca ad alcuni.

“Quando gli alleati occidentali vedono il diplomatico della Santa Sede che ascolta Lavrov quando tutti gli altri hanno lasciato la stanza, si sente male. Dicono che non possono essere politici, ma è visto come schierarsi dalla parte della Russia”, ha detto un diplomatico occidentale.

Uno stato senza gli interessi di uno stato

Le motivazioni della Chiesa, spesso radicate nella fede e non nella politica, possono essere difficili da comprendere per il mondo secolare.

“Un papa spera sempre che ogni individuo sperimenterà una conversione personale”, ha affermato Victor Gaetan, autore di “Diplomatici di Dio, Papa Francesco, Diplomazia vaticana e Armageddon d’America”.

Francesco, ha aggiunto Gaetan, pregherà “incessantemente” per Putin.

Il Vaticano è uno Stato, ma uno Stato senza interessi economici, militari o territoriali. Ciò lo consente di concentrarsi sul bene comune di tutte le persone, ha affermato Gaetan, anche affrontando problemi immediati come l’accesso a cibo e acqua, corridoi umanitari e sicurezza personale, nonché obiettivi a lungo termine come la protezione delle opportunità di culto.

Ma mentre può misurare le sue parole in pubblico, Francis non è seduto inattivo. Sta intercettando i canali diplomatici dietro le quinte.

Il papa “è attivo nel campo della diplomazia e dei negoziati”, ha detto Czerny, il cardinale in Ucraina, indicando le chiamate che Francesco ha tenuto sia con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy che con Kirill. “Il papa cerca di riunire non oltre per dividere e spesso lavora nell’ombra e nel silenzio”.

Dopo l’invasione, Francesco fece anche una visita senza precedenti all’ambasciata russa presso la Santa Sede. L’incontro ha infranto il protocollo e ha attirato l’attenzione. Normalmente, un capo di stato convoca o invita un ambasciatore per un colloquio, invece di presentarsi nell’ufficio dell’ambasciatore.

La mossa è stata “sorprendentemente insolita”, ha detto il diplomatico occidentale. “Non ne ho mai sentito parlare. Il gesto riguarda l’umiltà, il pensare al messaggio, non il protocollo”.

Successo diplomatico

La Santa Sede può indicare qualche successo storico nella risoluzione dei conflitti.

Papi e organizzazioni umanitarie cattoliche come la Comunità di Sant’Egidio hanno servito come mediatori nei conflitti in Mozambico, Libano e Kosovo. Funzionari cattolici hanno anche aiutato a mediare uno scontro tra Argentina e Cile.

Durante la crisi dei missili cubani del 1962, Papa Giovanni XXIII ha persino avuto il merito di aver aiutato a tirare indietro gli Stati Uniti e la Russia dall’orlo della guerra nucleare quando ha implorato i leader del paese di continuare a parlare. L’ouverture ha fornito copertura al premier russo Nikita Khrushchev per presentare la sua scalata come un atto di pace, non di codardia.

Più recentemente, Francesco ha facilitato il rinnovamento dei rapporti diplomatici tra gli Stati Uniti e Cuba dopo un embargo di mezzo secolo. E nel 2016, un ritiro spirituale ospitato da Francesco per i leader del Sud Sudan ha contribuito a scongiurare una guerra civile.

I sacerdoti che servono come diplomatici si concentrano “su ciò che le due parti hanno in comune e identificano obiettivi condivisi”, ha affermato Gaetan, l’autore, aggiungendo che “si sforzano di umanizzare le due parti l’una con l’altra”.

Accordi politici duraturi possono richiedere anni per essere negoziati, mettendo alla prova la pazienza dei rappresentanti eletti. Ma come ha affermato una figura di alto livello della chiesa: “I politici pensano in mesi, noi nella chiesa ci occupiamo di millenni”.

Naturalmente non tutta la diplomazia della Santa Sede è stata considerata di successo o addirittura auspicabile.

C’è ancora una notevole controversia sul silenzio di Papa Pio XII nel condannare Adolf Hitler e i nazisti. I suoi critici sostenevano che con popolazioni cattoliche molto consistenti sia in Germania che in Austria, avrebbe potuto minato il sostegno al regime. Il Vaticano sostiene di aver taciuto per proteggere gli sforzi della Chiesa dietro le quinte per proteggere le vittime naziste, compresi gli ebrei.

In Ucraina, il papa ha un delicato filo teso su cui camminare. Sarà ansioso di evitare che il conflitto venga inquadrato come uno scontro di civiltà, Occidente contro Oriente, con origini che potrebbero risalire al Grande Scisma tra le chiese ortodosse orientali e il cristianesimo occidentale nel 1054.

Per Francesco, come per tutti i Papi recenti, la riunione delle Chiese cristiane è una missione centrale. La Santa Sede iniziò a ricostruire i rapporti con la Russia sotto Giovanni Paolo II, quando Kirill era il principale interlocutore esterno per la Russia. Francesco è diventato il primo papa a incontrare un patriarca russo quando si è seduto con Kirill nel 2016.

Ma la guerra ha ostacolato i tentativi di avvicinare le chiese.

Lo stato russo e la chiesa russa condividono ufficialmente lo stesso obiettivo: riprendere il controllo dell’Ucraina.

Secondo Gaetan, molti in Russia sono rimasti sconvolti quando la Chiesa ortodossa ucraina nel 2019 ha riconosciuto il proprio capo indipendente che non ha riferito a nessun patriarca o vescovo esterno. Alcuni russi hanno persino visto la mano degli Stati Uniti dietro la mossa, dato che era un modo concreto per ridurre l’influenza russa in Ucraina.

“Temo che la Chiesa ortodossa russa l’abbia vista come una dichiarazione di guerra, e così anche lo stato russo”, ha detto Gaetan.

Francis ha detto che una visita a Kiev è “sul tavolo”.

Sebbene Francis sia una delle figure più influenti del mondo e la sua presenza dimostrerebbe solidarietà con l’Ucraina, vorrebbe garantire che qualsiasi visita sia più che simbolica e un passo verso almeno un cessate il fuoco, un risultato improbabile.

Inoltre, è dubbio che l’influenza del papa si estenderebbe alla Chiesa ortodossa russa, dato il suo sentimento pro-Putin.

Potrebbe esserci un ruolo per i leader religiosi negli sforzi di riconciliazione dopo la conclusione del conflitto, quando ricostruire la fiducia richiederà qualcosa di più del dialogo politico.

Ma il mondo ora sta cercando un miracolo, uno che difficilmente il Vaticano evocherà.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati