Home PoliticaMondo La Germania mancherà l’obiettivo di spesa per la difesa della NATO del 2%: think tank

La Germania mancherà l’obiettivo di spesa per la difesa della NATO del 2%: think tank

da Notizie Dal Web

La Germania non sarà all’altezza della sua promessa di spendere il 2% del suo PIL per le sue forze armate, ha avvertito lunedì un importante think tank economico.

La più grande economia d’Europa ha impegnato aumentare la spesa per raggiungere l’obiettivo fissato dalla NATO dopo anni di abbandono, arrivando al punto di istituire a Fondo speciale da 100 miliardi di euro per rafforzare il suo esercito.

Il cancelliere Olaf Scholz ha definito l’invasione russa dell’Ucraina a febbraio una svolta storica disse sulla scia della chiara necessità di “investire significativamente di più nella sicurezza del nostro Paese al fine di proteggere la nostra libertà e la nostra democrazia”.

Ma il German Economic Institute, un think tank con sede a Colonia, ha affermato che Berlino non è sulla buona strada per raggiungere il benchmark del 2% nonostante l’aumento dei finanziamenti. In un rapporto, l’istituto osserva che per quest’anno non è stato impegnato denaro extra. Nel frattempo, nel 2023, si registra un deficit di quasi 18 miliardi di euro nonostante un aumento delle spese.

La spesa pubblica continuerà a rimanere appena al di sotto dell’obiettivo fino al 2027. A quel punto il fondo speciale sarà esaurito e la spesa per la difesa tornerà a circa l’1,2% del PIL. Se non è ancora tutto speso, gli anni precedenti saranno ancora più al di sotto dell’obiettivo.

Il fondo da 100 miliardi di euro è stato creato per aggirare il freno all’indebitamento costituzionalmente sancito dalla Germania. Ma il think tank di Colonia scrive che gli impegni politici – che escludono aumenti o tagli delle tasse altrove pur mantenendo la rottura del debito nella sua forma attuale – rimangono troppo restrittivi per la Germania per rispettare i suoi impegni di spesa per la difesa.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati