Home Politica La guerra in Ucraina evidenzia due imperi in declino

La guerra in Ucraina evidenzia due imperi in declino

da Notizie Dal Web


Grafica adesiva per paraurti di John Walker. Dominio pubblico.

Quasi tre mesi dopo l’inizio della guerra in Ucraina, gli eventi hanno ribaltato alcune ipotesi di molte persone. Mi considero in quella folla.

Non mi aspettavo che Vladimir Putin ordinasse l’invasione.

Quando l’ha fatto, mi aspettavo che sarebbe andata come la guerra russo-georgiana del 2008: una rapida disfatta delle forze ucraine, un severo avvertimento “non farlo mai più” di Putin (come con l’Ucraina, la Georgia rispolvera aveva a che fare con i tentativi di riconquistare aree secessionate filo-russe) e un rapido ritorno alle relazioni internazionali come al solito.

Quando non è andata così, mi aspettavo almeno che le forze russe concludessero gli obiettivi ovvi – proteggere i repubblicani popolari di Donetsk e Luhansk secessionisti e un corridoio terrestre lungo la costa dell’Azov che li collegasse alla Crimea – in tempo per Putin per dare una risposta discorso “missione compiuta” il giorno della vittoria della seconda guerra mondiale (9 maggio), agitare un dito “non farlo più” a Kiev e dimettersi.

Invece, Putin sembra aver preso una decisione sbagliata e si è comprato un pantano. Alcuni incolpano la sua incapacità di portare a termine il lavoro su una “guerra per procura” USA/NATO, e non si sbagliano, ma non è che ci sia qualcosa di nuovo o di nuovo nell’idea. Gli Stati Uniti e la Russia hanno giocato al gioco della “guerra per procura” dall’inizio della Guerra Fredda, aiutando ciascuno gli avversari dell’altro nel tentativo di espandere il proprio impero e limitare l’espansione dell’altro.

Negli anni ’90, Grafica “adesivo per paraurti” di John Walker spuntato su Internet: una bandiera sovietica con una “X” attraverso di essa, accanto a una bandiera americana senza la “X”. Lo slogan:

“Evil Empires – One Down, One to Go …”

Entrambi gli imperi stanno, infatti, andando, e la guerra “per procura” degli Stati Uniti in Ucraina, anche se provoca una sconfitta russa, probabilmente accelererà il declino dell’impero statunitense mentre i regimi in vista di riallinearsi – non necessariamente “con la Russia”, ma verso una studiata neutralità.

Alcuni considerano la decisione di Putin di invadere l’Ucraina come una prova che aspira a ricostituire l’impero sovietico. Ma mentre ha descritto la disintegrazione dell’impero come una “catastrofe geopolitica”, il suo record suggerisce che è meno interessato a ricostituirlo che a preservare una parvenza della “sfera di influenza” del suo stato residuo.

Se una delle parti della “guerra per procura” è colpevole di arroganza di “ricostituzione” (anche di “espansione”), sono gli Stati Uniti. Invece di accettare un “sì” come risposta, raccogliere un dividendo di pace e passare a un’economia di pace quando l’impero sovietico è crollato, gli Stati Uniti si sono divertiti nel loro ruolo di “superpotenza solo rimasta” auto-percepita e sono tornati subito a combattere – e perdere – guerre di aggressione e conquista. Solo quando ha portato la potenziale espansione della NATO al confine della Russia con l’Ucraina, Putin si è risvegliato in una vera belligeranza.

Sebbene le linee temporali siano molto diverse, sia i fallimenti imperiali sovietici che quelli imperiali statunitensi assomigliano al processo di Mike in The Sun Also Rises di Ernest Hemingway: “Gradualmente e poi improvvisamente”.

Per gli Stati Uniti, “improvvisamente” ora bussa alla porta. L’alternativa è l’olocausto nucleare, potrei suggerire di considerare di trasformare le nostre spade in vomeri?

Thomas L. Knapp è direttore e analista di notizie senior presso il William Lloyd Garrison Center for Libertarian Advocacy Journalism. Vive e lavora nella Florida centro-settentrionale. Questo articolo è stato ristampato con il permesso del William Lloyd Garrison Center for Libertarian Advocacy Journalism.

Il post La guerra in Ucraina evidenzia due imperi in declino è apparso per primo Blog di Antiwar.com.

Fonte: antiwar.com

Articoli correlati