Home PoliticaMondo La Russia afferma di pianificare il “pieno controllo” del Donbas e dell’Ucraina meridionale

La Russia afferma di pianificare il “pieno controllo” del Donbas e dell’Ucraina meridionale

da Notizie Dal Web

La Russia sta cercando il “pieno controllo” sulla regione del Donbas e sull’Ucraina meridionale come parte della “seconda fase” della sua invasione, secondo un alto funzionario militare russo.

Rustam Minnekayev, vice comandante del distretto militare centrale della Russia, ha dichiarato venerdì che il controllo sul Donbas “ci consentirà di stabilire un corridoio di terra verso la Crimea e di ottenere influenza sulle strutture [militari] ucraine di vitale importanza, i porti del Mar Nero, che servono consegne dei prodotti agricoli e metallurgici in altri paesi”.

La Crimea è stata annessa a Mosca nel 2014.

La dichiarazione è stata rilasciata il giorno dopo che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto al presidente Vladimir Putin che la città meridionale di Mariupol, arroccata sul Mar d’Azov, era stata sequestrata dalle truppe russe dopo settimane di pesanti combattimenti.

L’unica sacca di resistenza ucraina nella città rimane presso l’acciaieria Azovstal, dove sono rimasti intrappolati centinaia di civili e truppe ucraine.

Durante l’incontro con Shoigu, Putin ha ordinato all’esercito russo di annullare i piani per prendere d’assalto l’impianto, aggiungendo che Azovstal dovrebbe invece essere bloccato in modo sicuro. “Blocca questa zona industriale in modo che nemmeno una mosca possa scappare”, avrebbe detto Putin.

Minnekayev ha anche affermato che il controllo sul sud dell’Ucraina consentirebbe alle truppe russe di ottenere un migliore accesso alla Transnistria, la regione separatista della Moldova, “dove ci sono anche prove che la popolazione di lingua russa è oppressa”, ha citato l’agenzia di stampa statale russa TASS Minnekayev come dicendo.

La capitale della Transnistria, Tiraspol, si trova a circa 100 chilometri a nord-ovest del porto ucraino di Odesa.

Dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina a febbraio, le truppe russe hanno raggiunto le città alla periferia di Kiev in pochi giorni. Tuttavia, dopo aver subito pesanti perdite a causa delle tattiche mordi e fuggi delle truppe ucraine, pur non essendo in grado di garantire forniture costanti di carburante e cibo, le forze russe non sono riuscite a circondare la capitale.

All’inizio di aprile, Mosca ha completato il ritiro delle sue truppe di stanza intorno a Kiev e dalle regioni settentrionali dell’Ucraina. Lunedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che “ora si può affermare che le truppe russe hanno iniziato la battaglia per il Donbas, per la quale si stanno preparando da molto tempo”.

“Una parte molto ampia dell’intero esercito russo è ora concentrata su questa offensiva”, ha detto.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati