Home PoliticaMondo L’inflazione tedesca rallenta al 9,6%.

L’inflazione tedesca rallenta al 9,6%.

da Notizie Dal Web

FRANCOFORTE — L’inflazione in Germania è scesa per il secondo mese consecutivo a dicembre e più del previsto, alimentando le speranze che il peggio della crisi del costo della vita possa presto passare.

I prezzi al consumo tedeschi sono aumentati del 9,6%, in rallentamento rispetto all’11,3% di novembre, dati preliminari diffusi dall’ufficio statistico tedesco mostrato Martedì. Gli analisti si erano generalmente aspettati un calo più moderato.

Misurata in termini nazionali e non armonizzati per il confronto con gli altri stati membri della zona euro, l’inflazione tedesca è scesa all’8,6% dal 10% di novembre.

Per l’intero anno, si stima che l’inflazione sia superiore dell’8,7% rispetto alla media dell’anno precedente, segnando l’aumento più netto mai registrato.

Il presidente della Bundesbank, Joachim Nagel, aveva previsto un calo considerevole dell’inflazione complessiva con l’entrata in vigore delle sovvenzioni governative per limitare i prezzi del gas. Tuttavia, l’istituto ha avvertito che è probabile che l’inflazione rimanga a più di tre volte l’obiettivo di stabilità dei prezzi del 2% della Banca centrale europea nel 2023 prima di diminuire in modo più significativo nel 2024.

“Il calo dell’inflazione alla fine dell’anno è guidato principalmente da tre fattori”, ha affermato l’economista ZEW Friedrich Heinemann, citando i sussidi governativi, i prezzi del petrolio più bassi e l’apprezzamento dell’euro che ha reso più economiche le importazioni nell’eurozona. Tuttavia, ha anche avvertito che un ritorno alla stabilità dei prezzi quest’anno rimane irraggiungibile.

Le stime sull’inflazione dell’Eurozona saranno pubblicate venerdì, con un sondaggio Reuters degli analisti che indica un calo al 9,7% dal 10,1% di novembre.

Tuttavia, il presidente della BCE Christine Lagarde ha avvertito che i prezzi potrebbero aumentare di nuovo a gennaio e febbraio. Questo è il momento in cui si prevede che i precedenti picchi dei prezzi dell’energia raggiungano il livello al dettaglio, prima di scendere in modo più duraturo.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati