Home PoliticaMondo L’inflazione turca scende bruscamente in spinta per Erdoğan

L’inflazione turca scende bruscamente in spinta per Erdoğan

da Notizie Dal Web

La caduta potrebbe aiutare il presidente in vista delle elezioni, ma è improbabile che allenti la tensione sul popolo turco.

L’inflazione turca è rallentata bruscamente a dicembre, in uno sviluppo che potrebbe aiutare il presidente Recep Tayyip Erdoğan in vista delle elezioni nazionali del paese, ma potrebbe non essere avvertito dai comuni turchi.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 64,27% a dicembre, ha annunciato oggi l’Istituto di statistica turco, il secondo calo mensile consecutivo, in calo rispetto all’84,39% di novembre.

“Abbiamo chiuso l’anno 2022 raggiungendo un’inflazione al consumo anche al di sotto dell’obiettivo di medio termine”, Erdoğan disse durante un discorso ad Ankara in cui ha annunciato un aumento del 25% degli stipendi e delle pensioni del settore pubblico.

“Il nostro obiettivo è rimuovere la bolla inflazionistica quest’anno e rimuoverla completamente dall’agenda del nostro Paese, a partire dal prossimo anno”.

Il calo è dovuto principalmente al fatto che un tasso elevato nello stesso periodo di 12 mesi prima fa naturalmente scendere statisticamente l’inflazione. Quindi per le normali famiglie turche è improbabile che alleggerisca il costo della vita, anche se porta buone notizie a Erdoğan.

Il Gruppo di ricerca sull’inflazione, composto da accademici ed esperti indipendenti, ha affermato che il vero tasso di inflazione del paese per dicembre è quasi il doppio al 137,55%.

Lo scorso ottobre l’inflazione ha toccato il massimo degli ultimi 24 anni dell’85,5%, principalmente a causa della politica monetaria a basso tasso di interesse non ortodossa di Erdoğan.

A differenza delle banche centrali di tutto il mondo che hanno alzato i tassi di interesse per tenere sotto controllo l’aumento dell’inflazione, l’anno scorso la banca centrale turca ha tagliato i tassi di interesse di 5 punti percentuali, fino al 9%.

La Turchia dovrebbe tenere le elezioni presidenziali e parlamentari il 18 giugno, ma il governo sta valutando la possibilità di anticiparle.

“Poiché questa data corrisponde alla stagione delle vacanze estive quando le persone viaggiano, stiamo valutando di anticipare leggermente la data”, ha detto il portavoce del partito AK Omer Celik. disse di lunedi.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati