Home PoliticaMondo L’iniziativa dell’Ucraina di inviare grano in Africa ottiene il sostegno occidentale

L’iniziativa dell’Ucraina di inviare grano in Africa ottiene il sostegno occidentale

da Notizie Dal Web

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sabato ha ricevuto alti funzionari occidentali mentre lanciava ufficialmente una nuova iniziativa alimentare per esportare grano in Africa.

Zelenskyj ospitato primi ministri e capi di stato di Belgio, Lituania, Polonia e Ungheria a Kiev in occasione del 90° anniversario dell’Holodomor, la carestia che afflisse l’Unione Sovietica di Joseph Stalin inflitto sugli ucraini – e ha lanciato ufficialmente un’iniziativa “Grano dall’Ucraina” con i governi e le organizzazioni internazionali, comprese le Nazioni Unite Programma Alimentare Mondiale.

Altri leader, come la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, ha partecipato virtualmente.

Secondo il governo ucraino, secondo la nuova iniziativa, l’Ucraina invierà fino a 60 navi di grano l’anno prossimo nei paesi più poveri dell’Africa detto il guardiano.

Prima l’Ucraina presentata la nuova iniziativa in una riunione del G20 all’inizio di questo mese con l’obiettivo di raggiungere almeno 5 milioni di persone entro la prossima estate.

Diversi paesi hanno annunciato oggi l’importo del loro sostegno finanziario all’iniziativa. Tra i sostenitori: gli Stati Uniti. ($ 20 milioni), Francia ($ 20 milioni), il Regno Unito. (6 milioni di dollari), Svezia ($ 9,5 milioni), Austria ($ 3,9 milioni) e Canada (30 milioni di dollari).

Alla domanda sul contributo dell’UE all’iniziativa “Grano dall’Ucraina”, un portavoce della Commissione europea ha affermato che “la Commissione finanzierà il trasporto di 40.000 tonnellate di grano ucraino”. Questo nuovo aiuto “si aggiunge al recente miliardo di euro annunciato per rafforzare le corsie di solidarietà, che finora hanno consentito l’esportazione di 17 milioni di tonnellate e l’unico modo per l’Ucraina di esportare altri beni non agricoli”, ha affermato il portavoce.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati