Home PoliticaMondo La Germania “ha bisogno di regole migliori” per la cittadinanza: Scholz

La Germania “ha bisogno di regole migliori” per la cittadinanza: Scholz

da Notizie Dal Web

Sabato il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha chiesto riforme ai regolamenti sulla cittadinanza del paese, un giorno dopo che il ministero dell’Interno ha dichiarato che il progetto di legge sul processo di cittadinanza era “buono come pronto”.

“La naturalizzazione ha bisogno di regole migliori”, ha detto Scholz in un tweet sabato. “Riguarda il rispetto e, ovviamente, la nostra prosperità. Perché tutte queste donne e questi uomini contribuiscono a un’economia forte. Va bene se optano anche per la cittadinanza tedesca”, ha detto.

Nel suo videomessaggio settimanale, Scholz ha sottolineato il ruolo fondamentale che gli immigrati hanno svolto nella ricostruzione e nel rafforzamento della Germania, secondo resoconti mediatici. “La Germania è diventata un paese di speranza per molti”, ha detto il cancelliere. “Le donne, gli uomini e talvolta i bambini che sono venuti in Germania hanno contribuito notevolmente a rendere la nostra economia forte come lo è oggi”.

Cambiare le regole di cittadinanza è uno dei le riforme che la coalizione tripartita ha promesso quando si è insediata nel dicembre 2021.

Giornale tedescoImmaginevenerdì ha riferito che il ministero dell’Interno sta preparando un disegno di legge che consentirebbe agli stranieri residenti in Germania di richiedere la naturalizzazione dopo cinque anni anziché otto. Il ministero ha affermato che le proposte sono ancora in discussione, secondo il rapporto.

Il ministro dell’Interno Nancy Faeser ha detto venerdì che la riduzione del tempo di attesa avere diritto alla cittadinanza è “un incentivo all’integrazione”, ha riferito l’Associated Press. “Siamo un paese di immigrazione moderno e diversificato, e penso che la legislazione debba riflettere questo”, ha detto.

Il ministero dell’Interno ha dichiarato venerdì che il progetto di legge è “buono come pronto”, ha riferito l’AP.

Fonte: www.ilpolitico.eu

Articoli correlati