Home Politica Le cheerleader oscene di Robert Kaplan per l’Arabia Saudita

Sarebbe allettante vedere quello di Robert Kaplan editoriale per Bloomberg questa settimana come uno scherzo di pesce d’aprile, ma sfortunatamente sembra essere serio:

La lotta è per qualcosa di più ampio e fondamentale: il diritto dei popoli di tutto il mondo a determinare il proprio futuro e ad essere liberi dalla nuda aggressione. Ciò richiede un mondo ordinato in cui la legge della giungla non opera. Pertanto, dovremmo accogliere un certo numero di autocrazie in questa lotta.

Niente dimostra il desiderio di lottare per l’autodeterminazione come l’allineamento con i governi che negano al proprio popolo il diritto di determinare il proprio futuro. Non è chiaro il motivo per cui questi governi dovrebbero essere coinvolti in una lotta contro l’aggressione nuda quando molti di loro sono coinvolti nella propria aggressione. Kaplan promuove il sovrano “relativamente illuminato” del Marocco come esempio del tipo di autocrazia che intende, ignorando opportunamente che il governo marocchino occupa illegalmente un territorio che ha sequestrato con la forza quasi cinquant’anni fa e nega l’autodeterminazione al popolo saharawi che vivere in quel territorio.

Uno dei regimi autoritari che Kaplan vuole farci apprezzare non è altro che il governo saudita. Kaplan ci informa che “le libertà personali si sono notevolmente ampliate” sotto il governo de facto di Mohammed bin Salman. Ciò è in parte vero per alcuni aspetti limitati, ma è anche estremamente fuorviante. Sebbene si sia verificato un allentamento delle restrizioni nella vita sociale, si è verificata un’intensificazione della repressione quando si tratta di parola ed espressione. I dissidenti non solo vengono incarcerati, ma vengono anche torturati e giustiziati.

Leggi il resto dell’articolo su SubStack

Daniel Larison è editorialista settimanale di Antiwar.com e gestisce il proprio sito all’indirizzo Eunomia. È l’ex caporedattore dell’American Conservative. È stato pubblicato su New York Times Book Review, Dallas Morning News, World Politics Review, Politico Magazine, Orthodox Life, Front Porch Republic, The American Scene e Culture11 ed è stato editorialista di The Week. Ha conseguito un dottorato di ricerca in storia presso l’Università di Chicago e risiede a Lancaster, Pennsylvania. Seguilo Twitter.

Il post Le cheerleader oscene di Robert Kaplan per l’Arabia Saudita è apparso per primo Blog di Antiwar.com.

Fonte: antiwar.com

Articoli correlati