Home PoliticaMondo Stati Uniti e Taiwan si accordano sul mandato negoziale per i colloqui commerciali

Stati Uniti e Taiwan si accordano sul mandato negoziale per i colloqui commerciali

da Notizie Dal Web

WASHINGTON — Stati Uniti e Taiwan hanno concordato i termini per negoziare una serie di accordi commerciali bilaterali nonostante le forti obiezioni di Pechino, che vede l’isola autonoma come parte del suo territorio.

“Abbiamo in programma di perseguire un programma ambizioso per il raggiungimento di impegni di alto livello e risultati significativi che coprano le undici aree commerciali nel mandato negoziale che aiuterà a costruire un’economia del 21° secolo più equa, più prospera e resiliente”, ha affermato Sarah Bianchi, vice rappresentante commerciale degli Stati Uniti in una dichiarazione.

Il primo round di negoziati è previsto all’inizio di questo autunno. Si svolgeranno sotto gli auspici dell’American Institute di Taiwan e dell’Ufficio di Rappresentanza Economica e Culturale di Taipei a Washington. Questo perché i termini per il riconoscimento diplomatico degli Stati Uniti della Repubblica popolare cinese nel 1979 richiedevano agli Stati Uniti di interrompere i legami diplomatici formali con l’isola di autogoverno.

Gli Stati Uniti sperano che il patto “approfondirà le nostre relazioni commerciali e di investimento, farà avanzare le priorità commerciali reciproche basate su valori condivisi e promuoverà l’innovazione e la crescita economica inclusiva per i nostri lavoratori e imprese”, ha affermato Bianchi.

Le due parti hanno lanciato formalmente l’Iniziativa USA-Taiwan sul commercio del 21° secolo all’inizio di giugno, e Bianchi e il principale negoziatore commerciale di Taiwan, John Deng, hanno già tenuto un round di colloqui ad alto livello a Washington alla fine di luglio.

Tuttavia, dopo la dura reazione della Cina alla visita del presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan, i funzionari statunitensi si sono nuovamente impegnati nell’iniziativa e hanno promesso di definire una “tabella di marcia ambiziosa” per i negoziati.

Il mandato negozialerilasciato mercoledì dall’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti è in linea con le precedenti dichiarazioni sulle aree di negoziazione previste. Le due parti hanno concordato di non discutere possibili tagli tariffari, una questione politicamente delicata negli Stati Uniti, ma cercheranno accordi in settori come l’agricoltura, le procedure doganali, la regolamentazione, la lotta alla corruzione e le piccole e medie imprese.

Altre aree da negoziare includono la protezione del lavoro e dell’ambiente, le regole per il commercio digitale e il funzionamento delle imprese statali. Gli Stati Uniti, attraverso i negoziati di Taiwan e colloqui separati con altri 13 paesi sul proposto quadro economico indo-pacifico, sperano di fare pressione sulla Cina innalzando gli standard per il commercio nella regione.

Fonte: ilpolitico.eu

Articoli correlati